Vai direttamente ai contenuti della pagina

TRAILER

VIDEO CORRELATI

  

Italian Gangsters

(2015 - 85')

Genre: Docu-fiction
Synopsis: Un viaggio inedito e spettacolare nelle imprese più eclatanti della mala nostrana. Trent’anni di storie violente consacrate dalla cronaca e d...

continue

  

Vajont: una tragedia italiana

(2014 - 85')

Genre: Docu-fiction & History & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: La storia del disastro del Vajont attraverso la testimonianza dei diretti responsabili. Dall'ideazione della diga alle sentenze del processo, ricostru...

continue

  

Muro basso

(2014 - 52')

Genre: Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: “Siamo i figli di una cultura dell’antimafia degli eroi.” Così Michele Gagliardo, del Gruppo Abele, ci parla di futuro. C’è una nuova g...

continue

  

Registro di classe - Libro secondo 1968 - 2000

(2015 - 54')

Genre: Educational
Synopsis: I registri di classe servono a segnare le assenze e i voti degli alunni. Ma non tutti gli alunni sono uguali, non a tutti sono date le stesse possibil...

continue

  

Meditate che questo è stato

(2014 - 50')

Genre: Biography
Synopsis: Una lunga intervista, attraverso alcuni dei luoghi più significativi della Shoah e dell’ebraismo romano, dove Terracina racconta la tragedia de...

continue

FILMS

Presi per il PIL. Liberarsi dal dogma della crescita economica


Titolo inglese: Gross Domestic Fraud. Breaking free from the dogma of economic growth
Anno: 2014
Durata: 65'
Regista: Stefano Cavallotto
Società di produzione: Settembrefilm

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano, inglese, francese, sar
Sottotitolo: italiano, inglese
Genere: Lifestyle & Nature & Environment
Tema: Ambiente - Economia - Politica & Società
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 03-07-2014
Sito web: visita il sito

Nome: Stefano
Cognome: Cavallotto
E-mail: settembrefilm@gmail.com
Sito web: link al sito

Sinossi:
Il dogma del PIL domina in modo assoluto sui media, in politica, nell’opinione pubblica. Sviluppo uguale crescita. E la crescita non può che essere l’aumento del Prodotto Interno Lordo. Ma sono in tanti a non essere d’accordo. Non solo economisti, studiosi e opinion-maker che nel film spiegano in modo semplice come il PIL abbia colonizzato il discorso politico ed economico, ma anche tante persone comuni che tentano nella loro vita quotidiana di liberarsi da questo assunto ideologico, adottando pratiche alternative. Persone che hanno scelto di vivere senza più inseguire il mito della crescita infinita imposto dal sistema. Che hanno scelto, ognuno nel suo ambito e a suo modo, di mettere i pratica nel quotidiano la teoria della decrescita. Questo film è un viaggio lungo l’Italia alla scoperta di alcune di queste storie.


Note:
Ormai è evidente, la crescita economica indefinita sta distruggendo il pianeta e le società che lo popolano. Non possiamo più fare finta di nulla e andare avanti, continuando ad affermare “business as usual”. Occorre trovare un nuovo modello di sviluppo, un nuovo paradigma economico, culturale, sociale. Forse una possibile strada da percorrere è quella della “decrescita”. Con questo film vogliamo portare il nostro contributo a questo dibattito, suggerendo da una parte un punto di vista critico sul dogma assoluto del PIL che domina nella politica e nelle organizzazioni internazionali, dall’altra raccontando alcune storie che mostrano come sia possibile vivere la decrescita nel concreto, ora e qui, facendo scelte semplici, non estreme, ognuno a suo modo e nel suo contesto. C’è chi lo fa, senza sofferenza, senza rinunce, riuscendo addirittura ad essere felice. Se molte più persone ci provassero, forse il sistema potrebbe cambiare rotta.


Festival:
Nuovi Mondi Film Festival 2014 - Valloriate (CN)