Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

Vocalizzi

(2017 - 32')

Genre: Arts & Culture
Synopsis: Che cos’è la voce? Dei cantanti lirici e degli attori di prosa ci guidano in un percorso fatto di suoni, arte ed emancipazione. Non si tratt...

continue

  

Too much stress from my heart

(2015 - 60')

Genre: Educational & Human Interest & Kids
Synopsis: Due sono le sfaccettature del deserto del Sahara: la bellezza delle dune che raccontano un paesaggio e culture antiche e bellissime, ci trasmettono u...

continue

  

Mirabiles - I Custodi del mito

(2016 - 29')

Genre: Docu-Reality & Ethnography
Synopsis: Campi Flegrei: 5 siti archeologici d’epoca romana sono sprovvisti di biglietteria. A mantenerli vivi sono gli assuntori di custodia, residenti tra Bac...

continue

  

Professione: Artista

(2017 - 50')

Genre: Arts & Culture
Synopsis: Cosa, o meglio chi si nasconde dietro i personaggi che vediamo in scena? Tutti gli spettacoli a cui assistiamo, da cui siamo rapiti, che applaudiamo, ...

continue

  

Nuddu

(2017 - 30')

Genre: Arts & Culture & Docu-Reality & Human Interest
Synopsis: Il documentario Nuddo parte da una ricerca durata due anni, in cui l'attrice Stefania Orsola Garello, tramite un workshop di teatro finanziato dal Min...

continue

FILMS

Figli di un dio diverso


Titolo inglese: Children of a different God
Regista: Stefano Bisulli
Autore: Stefano Bisulli
Montatore: Stefano Bisulli
Musiche: Marco Mantovani


Genere: Biography & Docu-Reality & Human Interest
Tema: Amore & Relazioni - Cinema & Teatro - Diritti umani - Emarginazione sociale - Storie dal carcere
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: in produzione
Data Uscita: 01-05-2017

Nome: Stefano
Cognome: Bisulli
E-mail: camerastylo@alice.it
Sito web: link al sito

Sinossi:
Una compagnia teatrale lavora all’allestimento di uno spettacolo che vede coinvolti anche alcuni detenuti ed ex detenuti sottoposti a misure di sicurezza. Tra gli internati c’è Youssef, un tunisino arrivato in Italia da clandestino nel 1997. Youssef racconta la sua storia. Lui non è un profugo e non è un migrante economico, ha maturato la sua decisione come atto di protesta nei confronti della famiglia che gli ha negato il permesso di sposarsi con la ragazza amata. La sua intenzione è quella di rimanere in Italia solo alcuni mesi ma non ha il passaporto e non riesce a ottenere il permesso di soggiorno. Dopo aver perso il lavoro nella raccolta dei pomodori in Sicilia, si sposta al nord, a Ferrara, dove viene convinto a diventare uno spacciatore. Conoscerà più volte il carcere, giustamente o ingiustamente, una vera e propria odissea tra rabbia e rimpianti.


Note:
il film ha ancora i titoli provvisori e mancano le musiche originali