Vai direttamente ai contenuti della pagina

TRAILER

Loading...

FILMS

Due Fiumi. Zigaina e Pasolini: l'Arte, la Vita e la Morte

altre informazioni
contatti

I Due Fiumi. Zigaina e Pasolini: l'Arte, la Vita e la Morte


Titolo inglese: The Two Rivers. Zigaina and Pasolini: Art, Life and Death.
Anno: 2007
Durata: 48'
Regista: Mauro Tonini
Autore: Mauro Tonini
Producer: Dorino Minigutti

Colore: Color
Formato: DV
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Sottotitolo: english
Genere: Arts & Culture & Personal Viewpoint
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 01-10-2007

Nome: Dorino
Cognome: Minigutti
Società: Immaginaria
E-mail: dorino@immaginaria.biz

Sinossi:
Giuseppe Zigaina è uno dei più famosi pittori del movimento artistico del Realismo Sociale, nato in Italia dopo la Seconda Guerra Mondiale. La pittura di Zigaina è esposta nei più importanti musei internazionali, e la sua opera grafica lo ha reso famoso in tutto il mondo. Zigaina racconta una storia misteriosa e controversa che non riguarda direttamente la sua pittura, ma la morte dell’amico Pier Paolo Pasolini, il poeta e regista italiano morto nel 1975. Il suo omicidio resta uno dei casi insoluti più misteriosi della storia italiana, ma Zigaina ha un’idea chiara di quanto accadde al suo amico. Egli pensa che sia stato lui stesso a organizzare la propria morte come una rappresentazione teatrale, allo scopo di ‘comporre’ la sua ultima e più importante poesia, utilizzando l’azione al posto delle parole. Zigaina dice che Pasolini l’ha annunciata nei suoi scritti poetici, nei film e nei saggi. In essi il pittore ha trovato riconosciuto chiari indizi che spiegano la sua morte come un sacrificio umano rituale, simile a quello narrato nel film “Medea” del 1966 con Maria Callas.


Festival:
The painter Giuseppe Zigaina recalls his close friendship with the poet and director Pier Paolo Pasolini. In the mithycal roots of the region where they met we find the painter’s sort-of-magic world, and Zigaina’s idea about the death of Pasolini, misteriously died in 1975. The documentary was screened in the 2008 Trieste Film festival, in the 2008 Asolo Art Film festival and in the 2008 Envirofilm of the Slovak Republic.