Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

Ero Malerba

(2015 - 75')

Genre: Biography
Synopsis: Giuseppe, detto Pippo, sbarca in Germania quando ha solo sedici anni. Suo padre, da Porto Empedocle, in Sicilia, lo ha fatto fuggire per evitargli l'a...

continue

  

Meno male è Lunedì

(2014 - 81')

Genre: Docu-Reality & Educational & Human Interest
Synopsis: Un gruppo di operai in pensione riprende il lavoro per insegnare il mestiere a 13 detenuti nell’officina-azienda nata in carcere. La trasmissione del ...

continue

  

La Prima Meta

(2016 - 76')

Genre: Docu-Reality & Human Interest
Synopsis: Max, allenatore di rugby, seleziona tre giovani detenuti per la squadra multietnica Giallo Dozza del carcere di Bologna. Con allenamenti estenuanti ri...

continue

  

Lo scherzo

(2020 - 29')

Genre: Docu-Reality & Educational & Human Interest
Synopsis: Un cortometraggio scritto dagli studenti dell'IPSIA Fermo Corni di Modena, con una tematica strettamente connessa all'uso di stupefacenti, alla legger...

continue

  

LIBERE

(2003 - 17')

Genre: Docu-Reality & Human Interest & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: le detenute raccontano in prima persona la loro vita; le testimonianze sono emozionanti e a volte sconvolgenti. Come nel caso di Elba, settant'anni, ...

continue

FILMS

Liberi a metà


Titolo inglese: Try Freedom
Anno: 2013
Durata: 55'
Regista: Gughi Fassino

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Sottotitolo: inglese
Genere: Human Interest
Tema: Emarginazione sociale - Multiculturalità & Integrazione - Sport - Storie dal carcere
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 09-09-2013

Nome: silvia
Cognome: staderoli
Società: minimumfax media
E-mail: development@minimumfax.com

Sinossi:
Una squadra di detenuti rugbysti, un campo da calcio dotato delle porte a H che per ottanta minuti alla settimana si trasforma in un campo da rugby, la partecipazione a un campionato regolare. Tutto dietro gli alti muri di cemento che separano il carcere dal resto del mondo. Il carcere è un mondo a parte, poco noto al resto della società, una realtà che si preferisce ignorare o considerare solo attraverso il filtro di stereotipi e racconti di terza mano. Perché il diverso fa paura, questo si sa, e ci sono vite piene di dolore, strade che si scelgono, altre meno. Perché sbagliano in tanti, ma a pagare non sono tutti. E non vogliamo ricordarlo.Con questo documentario vogliamo raccontare l’incontro del quadrato e dell’ovale, della società che si da regole perfette e dell’essere umano, imperfetto e sorprendente. L’obiettivo è creare spunti per una riflessione sulla funzione rieducativa e non punitiva degli istituti di correzione, sul percepirsi squadra e non outsiders.