Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

VIDEO CORRELATI

  

Lo Spettatore

(2016 - 17')

Genre: Arts & Culture & Docu-fiction & Personal Viewpoint
Synopsis: In seguito a un’improvvisa amnesia cinematografica, un giovane spettatore va in cerca dei cinema della propria adolescenza. Inizia così il suo ...

continue

  

Buio in sala

(2011 - 64')

Genre: Human Interest
Synopsis: Dal 2000 ad oggi in Italia hanno abbassato le saracinesche 616 sale cinematografiche. La maggior parte di queste erano sale storiche delle nostre ci...

continue

  

Many Beautiful Things - Tanti Beddi Cosi

(2014 - 56')

Genre: Biography & History
Synopsis: “Tanti Beddi Cosi” era l’espressione che usava dire Schiavelli alle persone a cui voleva augurare ogni bene. “Tanti beddi cosi” sono anche gli accadim...

continue

  

Lo chiamavano Zecchinetta

(2011 - 35')

Genre: Biography & Docu-fiction
Synopsis: Il documentario ripercorre la lunga carriera del grande attore siciliano Tano Cimarosa attraverso la voce di Gregorio Napoli e le testimonianze di Giu...

continue

  

Magic Island

(2016 - 74')

Genre: Adventure & Travels & Human Interest & Personal Viewpoint
Synopsis: Andrea, giovane musicista newyorkese e figlio dell'attore Vincent Schiavelli (Amadeus, Ghost, ecc) morto in Sicilia nel 2005 decide di tornare in Sici...

continue

FILMS

La verità sul caso del signor ciprìemaresco


Titolo inglese: The truth about the case of mister ciprìemaresco
Anno: 2006
Durata: 68'
Regista: Daniele N. Consoli
Autore: Daniele N. Consoli & Massimiliano Grassia & Alessandro Ferrari
Direttore della fotografia: Harald Erschbaumer
Montatore: Martina Nogarotto
Musiche: Francesco Gianino & Rosario Gianino & Aurelio Frazzetto
Società di produzione: Zelig - Scuola Di Documentario, Televisione E Nuovi Media

Colore: Color
Formato: BETACAM SP
Lingua originale: italian
Genere: Arts & Culture
Tema: Cinema & Teatro
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 06-07-2005

Nome: Georg
Cognome: Zeller
E-mail: vernillo@zeligfilm.it

Sinossi:
Ciprì e Maresco sono due dei più controversi e geniali registi dei nostri tempi, eredi del cinema di Ford, Buñuel, Pasolini, Kubrick… Le loro opere irridono con sguardo inclemente l’aspetto cinico della vita, mettendolo in evidenza per condannarlo all’oblio, utilizzando come "materia prima" l’arcaicità della loro terra madre e la primitività dei loro freaks siciliani: ne risultano immagini lontane da tutti gli stereotipi, difficili da accettare proprio per la loro sgradevolezza. Il loro è cinema del frammento rappresentante una realtà degradata nella quale vive un’umanità regredita e disperata che non può aspirare alla redenzione. Questo film, a metà tra realtà e rappresentazione (documentario e finzione), tratta del cinema di oggi attraverso il cinema di Ciprì e Maresco, utilizzando la forma del processo come occasione per fare un sintesi della loro produzione cine-televisiva sino ad oggi e per fare un resoconto dello stato del cinema in Italia ed altrove. Un giudice-"freak" che presiede una corte ecclesiastica, composta da due monaci, una suora ed un boia, conduce un’inchiesta sui generis che riguarda il caso dei due registi siciliani. Il boia accompagna i testimoni ad una sedia da tortura sulla quale gli ospiti-inquisiti sono intervistati ed obbligati a giurare di dire la verità sul caso del signor Ciprìemaresco.