Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

TRAILER

FILMS

Jannis kounellis

altre informazioni
contatti

Jannis kounellis


Titolo inglese: Jannis kounellis
Anno: 2005
Durata: 40' x 10 episodi
Regista: Alessandra Populin
Autore: Alessandra Populin
Direttore della fotografia: Sabrina Varani
Montatore: Anna Jurasz
Società di produzione: Tailsfilm Production
Distribuzione: Tailsfilm Production

Colore: Color
Formato: DVCAM
Ratio: 4:3
Lingua originale: italian
Sottotitolo: english
Genere: Arts & Culture
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto

Nome: Alessandra
Cognome: Populin
Società: Tailsfilm Production
E-mail: alepopulin@libero.it
Sito web: link al sito

Sinossi:
Considerato un dei padri fondatori dell’arte povera, Jannis Kounellis, ha declinato negli ultimi 40 anni un suo personale percorso estetico sul concetto di luogo e di peso, di verticalità e di memoria come senso e misura di un umanesimo espropriato del mito. In conversazioni d’arte si dipana, per contrappunti, assonanze e vibrazioni, punteggiato dagli aforismi dello stesso Kounellis, il racconto delle sue opere entrando e uscendo dall’allestimento del toccante lavoro creato a Sarajevo nel giugno 2004 nella grande biblioteca nazionale teatro del tragico rogo di più di 2 milioni di libri per mano dei serbi durante la guerra etnica in Bosnia nel 1992.


Festival:
Tailsfilm presents a series of ten portraits of contemporary artists, drawing a map of Italian aesthetic research by following some of its most articulate representatives over three generations from the immediate post-war to the latest trends.
The idea is to produce a long series of portraits to start a video encyclopedia of Eurepean contemporary artists.
The entire series acquired by museums; MAXXI, Rome - GAM of Turin - GAMeC of Bergamo - Palazzo Fortis, Verona – GSA, Glasgow,Scotland.

Jannis Kounellis won: Ricciolo d’Oro at the ArtDocFest of Rome in June 2005 - Prize of the Public at the Bos’art fest, Sardinia - 25th FIFA festival of Montreal. Screened at the Festival dei Popoli of Florence and Artecinema of Naples.