Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

Nadea e Sveta

(2012 - 62')

Genre: Biography & Docu-fiction & Human Interest
Synopsis: Secondo le stime dell’O.N.U. la Moldavia sarebbe il Paese più povero d’Europa. Molte donne moldave decidono di emigrare sapendo che nell’Europa...

continue

  

AMR. Storia di un riscatto.

(2017 - 25')

Genre: Docu-Reality & Educational & Human Interest
Synopsis: Il docu-corto è disponibile su Vimeo. Clicca e vedilo qui: https://vimeo.com/210834001 Qui la Pagina Fcb: https://www.facebook.com/amrstori...

continue

  

Il loro Natale

(2010 - 73')

Genre: Human Interest
Synopsis: "Il loro Natale" racconta la vita delle donne dei detenuti nelle carceri di Napoli. Maddalena e Mariarca, Titina e Stefania, trascorrono gio...

continue

  

Arcipelaghi

(2012 - 18')

Genre: Biography & Human Interest & Personal Viewpoint
Synopsis: “Arcipelaghi” è circa un modo personale di rappresentare storie sulla migrazione umana: sui percorsi di identificazione, sulle rotte geografich...

continue

  

Zingarò, una sartoria Rom

(2012 - 50')

Genre: Human Interest
Synopsis: Silvana, Mariana, Violeta, Maria e Silvana (la più giovane) si preparano a diventare le prime sarte zingare della Sardegna. Il soggetto del fi...

continue

FILMS

Mariscica fu la prima


Titolo inglese: Mariscica was the first
Anno: 2009
Durata: 82'
Regista: Annamaria Gallone
Direttore della fotografia: Bonardi Gianni
Montatore: Giuffrida Christian
Producer: Annamaria Gallone
Società di produzione: Kenzi srl

Colore: Color / B&W
Formato: HDV
Ratio: 16:9
Lingua originale: italian and creole
Sottotitolo: english, portuguese, italian
Genere: Human Interest
Tema: Natura & Paesaggi - Popoli & tradizioni - Storie al femminile
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 30-09-2009

Nome: Annamaria
Cognome: Gallone
Società: Kenzi srl
E-mail: annamaria@kenziproductions.com
Sito web: link al sito

Sinossi:
Sono tutte donne, e tutte hanno una storia da raccontare: sono le protagoniste di un fenomeno abbastanza particolare, una immigrazione tutta al femminile in un’Italia che allora, agli inizi degli anni '60, conosceva solo l’emigrazione.Erano giovani ragazze quando sono partite, venendo da un giovane paese (l’indipendenza è del ’75) distribuito su dieci isole, le Isole di Capo Verde. Oggi, molte di queste “ragazze” sono tornate definitivamente. Hanno concluso il loro progetto di vita: reagire ad una situazione di estrema povertà in un paese privo di risorse, emigrare in Italia, lavorare sodo, mettere da parte un po’ di soldi e rientrare in patria, chi per aprire un’attività, chi per costruirsi finalmente una bella casa, chi per far studiare i figli all’estero. Siamo andati a trovarle, percorrendo spettacolari paesaggi selvaggi, montagne tormentate, valli strette, verdi e fresche, o lungo bianche spiagge sconfinate, battute da grandi onde che sconvolgo il verde smeraldo dell’acqua, dove si pesca ancora il tonno a mani nude, oppure nelle casette abbarbicate ai costoni rocciosi a picco sul vuoto, o nelle cittadine di mare, nei porti dove ancora oggi fanno scalo navi in transito tra i tre continenti: Europa, Africa, America. Queste donne si sono reinserite nell'ambiente da cui erano partite e quasi tutte ricordano con nostalgia l’Italia, anche se l’esperienza è stata spesso dura, l’isolamento in terra straniera angoscioso, la convivenza non sempre armoniosa.