Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

L' Or du Congo

(2010 - 56')

Genre: Ethnography & Human Interest & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Un viaggio drammatico ma allo stesso tempo illuminante fin dentro il cuore dell’Africa, nella zona nord-orientale della Repubblica Democratica del Con...

continue

  

Shashamane

(2016 - 80')

Genre: Docu-Reality & Ethnography & Human Interest
Synopsis: “Ci hanno chiamati negracci, e da negracci siamo diventati negri, e da negri siamo diventati neri, e da neri siamo diventati afro-americani. Perch&e...

continue

  

A PIEDI NUDI

(2015 - 52')

Genre: History & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Nell'ottobre 2014 la capitale del Burkina Faso Ouagadougou è il teatro di manifestazioni di massa contro il presidente del Paese, Blaise Compao...

continue

  

Rezeki

(2015 - 54')

Genre: Docu-fiction & Docu-Reality & Ethnography
Synopsis: Il film nasce da una ricerca sulle miniere d’oro e pietre preziose e sul lavoro a Ovest di Aceh (Indonesia). Il film racconta della ricerca di fortuna...

continue

  

Dallo zolfo al carbone

(2007 - 53')

Genre: Human Interest
Synopsis: "Dallo zolfo al carbone" è un documentario sul fenomeno migratorio derivato dal Patto Italo-Belga del 1946, che portò all’emig...

continue

FILMS

Le due storie di Adamà


Titolo inglese: The two stories of Adama
Anno: 2010
Durata: 50'
Regista: Annamaria Gallone
Direttore della fotografia: Gianni Bonardi
Montatore: Christian Giuffrida
Società di produzione: Kenzi Srl

Colore: Color
Formato: HDV
Lingua originale: italian, french
Sottotitolo: english
Genere: Educational & Human Interest & Kids
Tema: Diritti umani - Lavoro - Migrazione
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 25-08-2010

Nome: Annamaria
Cognome: Gallone
Società: Kenzi srl
E-mail: annamaria@kenziproductions.com

Sinossi:
Fino a otto anni fa, Adamà era un piccolo schiavo di una miniera d’oro del Burkina Faso, sfruttato dodici ore al giorno per un piatto di riso e fagioli, percosso col bastone se non teneva il ritmo. Minatore bambino, con una torcia legata alla tempia da un elastico entrava e usciva dal ventre di una montagna franosa calandosi a cinquanta metri di profondità. Ogni settimana frane e miasmi velenosi si portavano via qualcuno. Adamà aveva paura, ma il suo sogno era quello di trovare l'oro e poter tornare a scuola. E a scuola è tornato lo stesso: in Italia. Ora frequenta l'università a Brindisi. Parla perfettamente l’italiano e, con gli anziani del paese, un fantastico dialetto salentino. Tutto è cominciato con un film e una produttrice italiana arrivata nel suo Paese per girarlo nella miniera dove lui lavorava. La donna fu colpita dalla grande tristezza dei suoi occhi e dal suo francese impeccabile. Così lo scelse come protagonista del film e gli promise che avrebbe fatto di tutto per fargli continuare gli studi in Italia. E a volte i miracoli si avverano. Ora il bambino della miniera, diventato un bellissimo ragazzo, ha trovato due amici-genitori davvero speciali. E i suoi sogni stanno diventando realtà: «Voglio studiare comunicazione, lavorare come educatore interculturale e poi tornare al mio paese e aprire una scuola per tutti i bambini che vogliono studiare e non possono farlo, proprio com'era successo a me”.