Vai direttamente ai contenuti della pagina

TRAILER

Loading...

VIDEO CORRELATI

  

Solo per farti sapere che sono viva

(2013 - 64')

Genre: History & Human Interest
Synopsis: Degja, nel 1980, è stata prelevata con la forza da 4 poliziotti in borghese, ha passato 11 anni prigioniera e bendata. La sua unica colpa: esse...

continue

  

Storie Invisibili

(2019 - 34')

Genre: Docu-Reality & Human Interest & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Cosa vuol dire essere un profugo? Come si vive in un Campo Profughi? Storie Invisibili è un viaggio all’interno dei Campi Profughi Palestinesi ...

continue

  

INTERNAT

(2014 - 71')

Genre: Human Interest
Synopsis: In un’ex scuola occupata da vent’anni, vivono sessanta famiglie di profughi di etnia georgiana scampate alla guerra civile Georgiano-Abkhaza. Qui l...

continue

  

1514 Le nuvole non si fermano

(2010 - 52')

Genre: Human Interest
Synopsis: Nel 1975 i territori del Sahara Occidentale, ex colonia spagnola, sono stati occupati militarmente dal Marocco, diventando così il teatro in cu...

continue

  

Into the blue

(2009 - 1')

Genre: Docu-fiction & Human Interest & Personal Viewpoint
Synopsis: Into The Blue è un film interamente scritto, girato, montato e musicato in una delle tendopoli dell'Aquila, dopo il terremoto. E' un film inter...

continue

FILMS

Viaggio in Saharawi


Titolo inglese: Sahrawi Encounter
Anno: 2010
Durata: 40'
Regista: Walter Bencini
Società di produzione: INSEKT FILM

Colore: Color
Formato: DVCAM
Ratio: 4:3
Lingua originale: italian
Sottotitolo: english
Genere: Adventure & Travels
Tema: Diritti umani - Guerra & Conflitti - Popoli & tradizioni
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 10-10-2010

Nome: walter
Cognome: bencini
Società: INSEKT FILM
E-mail: info@insekt.net
Sito web: link al sito

Sinossi:
VIAGGIO IN SAHARAWI Il coraggio di vivere per la libertà. Nel paesaggio di stupefacente e dura bellezza del Sahara Occidentale il regista Walter Bencini ci racconta il suo viaggio verso l’incontro con il popolo Saharawi, da decenni sradicato dalle proprie terre e confinato nelle tendopoli del deserto che portano il nome delle città in Marocco dove un tempo vivevano. Un viaggio di solidarietà per cercare di alleviare i mille problemi che affliggono questo popolo, come la scarsità d’acqua e le difficoltà di accedere a beni primari come la salute, il cibo e l'istruzione. I Saharawi rivendicano il sigillo inalienabile della propria identità rifiutando di disperdersi e ricordando al mondo, con pacifica ostinazione, la propria esistenza e il diritto all’autodeterminazione, vivendo grazie alla solidarietà internazionale in attesa che le risoluzioni dell’ONU, che riconoscono a questo popolo i loro diritti, trovino applicazione. Nonostante le difficoltà il popolo Saharawi conserva il senso della dignità e dell’ospitalità, tali da stupire e coinvolgere i visitatori in un’atmosfera dove il dare e il ricevere, lo scambio di sguardi e sorrisi, diventano a un tratto reciproci e generano il fondamento di ogni riconoscimento, il rispetto e l’accoglienza, e dove infine si rivela che forse quelli che hanno più ricevuto sono proprio i viaggiatori, segnati dal coraggio, dalla serenità e dalla dignità di chi lotta per la libertà.