Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

Eat Me

(2017 - 50')

Genre: Docu-Reality & Human Interest & Personal Viewpoint
Synopsis: Eat Me è una ricerca visiva documentaria sull’anoressia e sui Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA). Un'escursione oltre la cortina dei p...

continue

  

Feed the Peace

(2007 - 54')

Genre: Human Interest
Synopsis: Feed the peace è la storia di un viaggio, a Gerusalemme, Tel Aviv, e Roma, attraverso il cibo, in due mondi in conflitto, due mondi che sembran...

continue

  

ISPAJO - Terre di confine

(2016 - 43')

Genre: Adventure & Travels & Human Interest & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: “Apri gli occhi senza freni” arriva in Medio Oriente con l'obiettivo di attraversare tre paesi, un lungo “viaggio d'integrazione” dove i ciclisti in ...

continue

  

Ciò che mi nutre mi distrugge - Quod me nutrit me destruit

(2013 - 60')

Genre: Educational & Human Interest
Synopsis: Per la prima volta si aprono le porte di un centro per la cura dei disturbi del comportamento alimentare e si accede alle sedute di psicoterapia. Stor...

continue

  

Il potere della paura

(2016 - 38')

Genre: Docu-Reality
Synopsis: “Come possiamo praticare la virtù della pace?”, si domanda Abuna Manuel, parroco palestinese di Gaza ai tempi dell’Operazione Piombo Fuso dell’...

continue

FILMS

Un algido spillo pungente


Titolo inglese: A sharp cold pin
Anno: 2014
Durata: 45'
Regista: Renata Tardani
Direttore della fotografia: Pietro De Tilla
Montatore: Tommaso Feraboli
Musiche: Tommaso Feraboli & Françoise Goddard
Producer: Miro Film

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Genere: Docu-Reality
Tema: Disagio psichico - Infanzia & Adolescenza
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 24-03-2014

Nome: Renata
Cognome: Tardani
Societŕ: Miro Film
E-mail: renata@mirofilm.it

Sinossi:
Leggendo l’anoressia in termini esistenziali, come disagio adolescenziale e blocco del processo evolutivo, gli psichiatri del Centro per Disturbi Alimentari di Asso hanno pensato ad viaggio in Israele come strumento di cura, come occasione per incrinare quella chiusura al mondo tipica della malattia. I dieci giorni in Israele sono l’unità spazio temporale su cui si sviluppa il film, ma anche lo sfondo del dialogo interiore delle ragazze. Il fascino e la forza emotiva di questo paese unico al mondo servono da supporto emotivo all’indagine interiore delle ragazze: i luoghi e situazioni del viaggio si intrecciano infatti ai colloqui delle ragazze con psichiatra e psicologa. Partendo dal vissuto in Israele, in sedute individuali o collettive, le ragazze mettono in luce le dinamiche psicologiche della malattia e il cuore dei suoi meccanismi: il rifiuto del cibo come un tentativo disperato di dominare il mondo partendo dal controllo del proprio corpo, il senso di potenza che ciò comporta. Quello che sembra un assurdo gioco con se stesse si rivela come una paura della vita, così profonda da portare alla morte. Anche se il film parla di l’anoressia, tratta in realtà temi universali: la paura di crescere, il rapporto con il proprio corpo, l’importanza della relazione con l’altro. E’ un film che apre alla speranza, perché mette al suo centro il processo di guarigione e la lotta“per smettere di sopravvivere e iniziare finalmente a vivere”.


Festival:
Ashkelon Jewish World Film Festival - Israel