Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

Ho fatto il mio coraggio

(2009 - 50')

Genre: Ethnography & Human Interest
Synopsis: Si narra di storie d'amore, matrimoni tristi e felici, fidanzamenti, incontri per foto, procura e posta tra gli Italiani di Montréal e gli Ital...

continue

  

Ccà semu

(2018 - 30')

Genre: Biography & History & Human Interest
Synopsis: CCÀ SEMU, "siamo qui", è il modo in cui gli abitanti di Lampedusa parlano del loro posto nel mondo con orgoglio e rassegnazio...

continue

  

1960

(2010 - 75')

Genre: History
Synopsis: Estate 1959. La voce di un adulto rievoca quei giorni quando era solo un bambino del sud. Il ricordo è ancora vivo nella sua memoria: è ...

continue

  

Doichlanda

(2003 - 45')

Genre: Arts & Culture & Investigation, Reportage & Current Affaires & Lifestyle
Synopsis: Il viaggio musicale di una band etno-rock nei ristoranti calabresi in Germania. Un viaggio che racconta, attraverso le facce degli emigranti, i cambi...

continue

  

HORA

(2018 - 26')

Genre: Arts & Culture & Biography & Human Interest
Synopsis: Anastasia è nata a San Nicola dell’Alto, un piccolo paese calabrese di origine arbëreshë, dove ha trascorso la sua adolescenza. Da pi...

continue

FILMS

Giuseppe Filosa. Un maestro di bottega nel XXI secolo


Titolo inglese: Giuseppe Filosa. A master and his atelier in the 21st Century
Anno: 2014
Durata: 16'
Regista: Epifanio Spina
Direttore della fotografia: Epifanio Spina
Montatore: Epifanio Spina

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italian
Sottotitolo: english
Genere: Arts & Culture & Biography & History
Tema: Artigianato - Lavoro - Migrazione - Pittura & Scultura - Storia contemporanea
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 01-05-2014

Nome: Epifanio
Cognome: Spina
E-mail: nannispina@gmail.com

Sinossi:
Giuseppe Filosa è nato nel 1937 a Montalto Uffugo (Cs) e da quarant’anni vive e opera nel centro storico di Cosenza, nella sua bottega d’arte – l’unica, e forse l’ultima, del capoluogo di provincia calabrese. Negli anni Sessanta fu fondatore del “Gruppo D’Arte Cosenza” uno dei primi movimenti artistici a introdurre un discorso sulle arti figurative in Calabria. In quegli anni conobbe personalmente Carlo Levi tramite il giornalista cosentino Dante Volpintesta, intellettuale comunista che si preoccupò di introdurre l’ideologia del partito e della Questione Meridionale ai giovani artisti del del “Gruppo D’Arte Cosenza”. Fra la fine degli anni Sessanta e il 1974, Filosa ha compiuto viaggi in Europa, lavorando contemporaneamente come operaio in fabbrica e come artista figurativo. In Germania approfondì il tema dell’emigrazione dei meridionali. Ha vissuto per diversi anni in Svezia, partecipando a numerose esposizioni, tra cui una in particolare, organizzata dalla Kultuur Huset di Stoccolma, alla presenza del Ministro del Lavoro. Nel 1974 ritorna in Italia, portando con sé le esperienze maturate all’estero e una consapevolezza sull’identità sociale intesa come struttura della coesione culturale e come strumento per contrastare il fenomeno dell’alienazione. Frequenta i maggiori esponenti della Transavanguardia italiana, con i quali ha completato la sua formazione artistica. L’arte di Filosa si esprime attraverso contributi eterogenei (collage, pittura espressionista, scultura).