Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

Gli Occhi più azzurri

(2011 - 46')

Genre: History
Synopsis: Quello che resta delle città dopo i bombardamenti è solo miseria e distruzione. Il popolo italiano è diviso da una scelta che in...

continue

  

Corazon Bogotà

(2010 - 65')

Genre: Personal Viewpoint
Synopsis: 23 Settembre 2009. Aeroporto di Madrid. Fabrizio -scultore e scrittore italiano- sta attendendo la coincidenza per Bogotà. Deve recarsi a J...

continue

  

Heroes and Heroines (Eroi e Eroine)

(2011 - 50')

Genre: Ethnography & Human Interest & Kids
Synopsis: Heroes and Heroines (Eroi e Eroine) è un documentario d’osservazione girato in Nepal all’inizio del 2010. Un infermiera locale. Un gruppo di b...

continue

  

Cuore Eritrea

(2011 - 61')

Genre: Human Interest & Kids
Synopsis: In una società basata ormai sull’ individualismo, ci sono ancora persone che credono e operano affinchè parole come rispetto e dignit&ag...

continue

  

Pasta nera

(2011 - 52')

Genre: History
Synopsis: 1945. La guerra è finita e l’Italia è devastata. Nel clima di collaborazione delle forze anti-fasciste per ricostruire il paese, miglia...

continue

FILMS

Collina della Serenità

altre informazioni
contatti

La Collina della Serenità


Titolo inglese: The Hill of Serenity
Anno: 2013
Durata: 45'
Regista: Franco Delli Guanti

Colore: Color
Formato: DV
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Sottotitolo: 50 anni di storia del villaggio sos di trento
Genere: Human Interest & Kids
Tema: Culture locali - Infanzia & Adolescenza
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 07-05-2013

Nome: Franco
Cognome: Delli Guanti
E-mail: info@mediaomnia.it

Sinossi:
«È meglio una misera famiglia al miglior istituto»: era questa la filosofia sposata fin dagli anni Cinquanta da Zita Lorenzi nella sua veste di pubblico amministratore. Zita Lorenzi si trovò perfettamente in sintonia con Hermann Gmeiner che volle accogliere i bambini in un ambiente famigliare. Non più enormi camerate in tristi strutture dal sapore quasi carcerario ma una vera e propria abitazione confortevole al centro della quale c’è la «mamma SOS», una figura amorevole che segue i bambini nella loro crescita: prepara da mangiare, li aiuta nello studio, si occupa della casa in cui vivono. Grazie al modello familiare i piccoli ricevono tutto l’affetto, le cure e l’istruzione di cui hanno bisogno, sentendosi al sicuro. Sulla base di queste premesse il 14 luglio 1963 l’Arcivescovo metropolita di Trento, Monsignor Alessandro Maria Gottardi, benedice le prime case del «Villaggio del Fanciullo SOS Nostra Signora d’Europa» sorte all’interno del Parco di Villa Bernardelli a Gocciadoro. È l’inizio di una lunga ed affascinante storia.