Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

Alain Danielou: Il labirinto di una vita

(2016 - 58')

Genre: Arts & Culture & Biography
Synopsis: La vita straordinaria dell'uomo che portò l'India in Occidente. Un avventuroso viaggio musicale che parte dalla Bretagna, passa attraverso l'I...

continue

  

3 minutes

(2004 - 76')

Genre: Arts & Culture & Human Interest
Synopsis: in una buenos aires appena colpita dalla crisi, 3 minutos intreccia il cammino di quattro donne sole, accomunate da un'identica passione. conducono vi...

continue

  

The Barefoot Princess

(2013 - 54')

Genre: Adventure & Travels & Arts & Culture & Biography
Synopsis: Il documentario The Barefoot Princess racconta il paradigma universale del viaggio personale alla ricerca di sé stessi. A simboleggiare questo...

continue

  

ARDEIDAE

(2014 - 13')

Genre: Docu-fiction
Synopsis: Giunto in laguna per in breve soggiorno un gruppo di turisti asiatici intraprende un percorso all'interno del territorio, condotti da un'audioguida....

continue

  

Magic Island

(2016 - 74')

Genre: Adventure & Travels & Human Interest & Personal Viewpoint
Synopsis: Andrea, giovane musicista newyorkese e figlio dell'attore Vincent Schiavelli (Amadeus, Ghost, ecc) morto in Sicilia nel 2005 decide di tornare in Sici...

continue

FILMS

gallo canta sempre

altre informazioni
contatti

Il gallo canta sempre


Titolo inglese: The Cock always crows
Anno: 2014
Durata: 80'
Regista: Paolo De Falco

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Genere: Arts & Culture & Docu-fiction & Personal Viewpoint
Tema: Esplorazione - Multiculturalità & Integrazione - Musica & Danza
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: in produzione
Data Uscita: 01-01-2015

Nome: Paolo
Cognome: De Falco
Società: Film Grad
E-mail: gradzero@gmail.com

Sinossi:
Marcelo Alvarez e Sabrina Amato, due ballerini di tango, compagni di vita e di lavoro, viaggiano senza sosta, passando dal sud al nord dell’Italia. La loro vita procede come sospesa in una sorta di clausura tanghera, fatta di ore e ore di insegnamento, di milonghe affollate, di esibizioni pubbliche. Interrotte solo dai viaggi e dalle passeggiate solitarie che Marcelo ama fare, abbandonandosi a momenti che lo aiutino, forse, ad elaborare il suo percorso esistenziale. Marcelo ha una personalità forte e affascinante, con una storia molto intensa e dolorosa che gli ha fatto conoscere anche la solitudine e la miseria. Di origine india, nato a Buenos Aires ma emigrato nell’infanzia a Salta, nel Nord dell’Argentina, ha poi vissuto la sua giovinezza nuovamente a Buenos Aires, imparando a ballare il tango attraverso luoghi e personaggi mitici dell’ambiente porteño. Finché, dieci anni fa, è atterrato a Venezia, stabilendosi in Italia dove, tra alti e bassi, si è costruito una fama professionale sicuramente rinvigorita con l’entrata in scena di Sabrina. Marcelo vuole essere un divulgatore della cultura del tango e per questo cerca di trasmettere le radici profonde di questo ballo con lucidità e attenzione, ma ha bisogno anche di fuggire dalla realtà. La sua anima inquieta e intensa si perde nei paesaggi di alcune delle più belle città italiane, in preda a sensazioni potenti, fatte di ricordi e desideri che poi restituisce in misteriosi sogni futuribili e premonitori.