Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

VIDEO CORRELATI

  

largo baracche

(2014 - 65')

Genre: Docu-Reality
Synopsis: Nei meandri di una Napoli decadente sorge Largo Baracche, cuore pulsante dei Quartieri Spagnoli. Nei labirinti di questi antichi vicoli, il regista Ga...

continue

  

Sacrificio

(2013 - 64')

Genre: Arts & Culture & Docu-fiction & Human Interest
Synopsis: Per oltre un anno i registi teatrali Elena Galvani e Jacopo Laurino hanno selezionato e formato un gruppo di giovani attori non professionisti, portan...

continue

  

Non mi avete convinto, Pietro Ingrao un eretico

(2012 - 75')

Genre: Biography & Educational & History
Synopsis: Pietro Ingrao, 97 anni, si racconta dialogando a distanza con uno studente anni Ottanta, distratto durante lo studio dalla radio che trasmette l´...

continue

  

Emergency Exit - Storie di giovani Italiani all'estero

(2014 - 60')

Genre: Human Interest
Synopsis: Anna, Mauro, Milena e gli altri non si conoscono, ma hanno qualcosa in comune: han lasciato l’Italia per trasferirsi all’estero e scommettere sull’opp...

continue

  

Supermanz

(2013 - 70')

Genre: Educational & Human Interest
Synopsis: Rosa intraprende il suo viaggio personale nelle difficoltà quotidiane di una cooperativa onlus che offre aiuto ad adolescenti a rischio. Attra...

continue

FILMS

Arctic Spleen


Titolo inglese: Arctic Spleen
Anno: 2014
Durata: 64'
Regista: Piergiorgio Casotti
Producer: Ilaria Malagutti
Società di produzione: Mammut Film S.r.l

Colore: Color / B&W
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: inglese, groenlandese
Sottotitolo: inglese, italiano
Genere: Human Interest & Personal Viewpoint
Tema: Culture locali - Disagio psichico - Emarginazione sociale - Infanzia & Adolescenza - Popoli & tradizioni
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 14-01-2014
Sito web: visita il sito

Nome: Ilaria
Cognome: Malagutti
Società: Mammut Film srl
E-mail: malagutti@mammutfilm.it
Sito web: link al sito

Sinossi:
Arctic Spleen è un viaggio intimo e personale nella vita giovanile Groenlandese dove natura, noia, violenza e tradizione stanno da decenni reclamando il più alto dei “tributi”. Quello di centinaia di giovani vite. Nella Groenlandia dell'est, ogni anno, il 2% dei ragazzi tra i 15 e i 25 anni si toglie la vita e il 25% ci prova. Le esperienze di Ole, Elvira, Hans e Kaleeraq, sopravvissuti a diversi tentativi, non sono singole storie isolate ma lo specchio delle paure di un'enorme parte di giovani groenlandesi incline al suicidio. Una delicata esplorazione della sottile ed intima guerra che molti ragazzi combattono quotidianamente contro la violenza, la noia e il “vuoto”; una battaglia che da sempre è la ragione d'essere delle giovani generazioni, con la differenza che in Groenlandia, quella battaglia, molti la perdono. Un atto sociale non percepito come l'ultimo disperato atto di una singola persona ma considerato una “exit strategy” profondamente radicata nella cultura locale. Era l'antico modo di risolvere i problemi, oggi trasferito contortamente alle nuove generazioni. Un documentario che offre una diversa prospettiva sociale sulla comunità di 3000 Inuit di Tasiilaq e dei 6 villaggi che costituiscono la costa est della Groenlandia, una delle società attualmente meno conosciute, scoperta e salvata da sicura estinzione solo nel 1894 e passata dall'età della pietra alla vita moderna in soli 80 anni.


Note:
The subject that I deal with is the complex and unknown juvenile situation in this isolated part of the world that leads to great social distress and to the highest youth suicide rate in the world (yearly 2% between 15 and 25 years, 25% of attempts, twenty times higher than the second country in this dramatic ranking). A documentary as social depiction through four fundamental elements:
–The beautiful merciless nature
– The historical and cultural roots tied to animist cults, still influencing daily life.
– The harshness of daily life, including poverty, abuse and violence. Physical and even more psychological.
The attachment to the land and the family of origin. A chain that hinders the escape route of emigration.
Elements that I would like to bring up through the relationship that I have had over the years with four Greenlandic young people, which with me and through me, with their images, their feelings, their stories and my stories, could be the driving force to the many stories.