Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

TRAILER

VIDEO CORRELATI

  

Avenida Maracanã

(2014 - 78')

Genre: Docu-Reality & Human Interest
Synopsis: Rio de Janeiro. Mentre gli occhi del mondo sono puntati sul Mondiale di calcio e le proteste a esso legate, le gioie e i dolori di un Paese per la pro...

continue

  

Industry Hotel

(2011 - 145' x 6)

Genre: Human Interest
Synopsis: Nella zona industriale di Nairobi (dove recentemente purtroppo c’è stato il grande incendio che ha causato 118 morti carbonizzati), in una bara...

continue

  

Maputo - A Low Budget Dream

(2014 - 68')

Genre: Docu-Reality & Ethnography
Synopsis: C'era una volta una bella città che nacque dal mare. Tira vento in città: è vento di cambiamento, un vento che c'è sempre...

continue

  

Caminante

(2013 - 1')

Genre: Ethnography
Synopsis: I "Caminanti" vivono a Noto, Siracusa, da oltre 60 anni e formano una comunità di qualche migliaio di persone. Seminomadi, girano pe...

continue

  

Loro Dentro

(2012 - 42')

Genre: Biography & Investigation, Reportage & Current Affaires & Lifestyle
Synopsis: Una decina di ragazzi tra i 20 e i 30 anni, italiani e stranieri, ci raccontano la vita dentro il Carcere di Marassi, l’istituto penale più gra...

continue

FILMS

La Parte che resta


Titolo inglese: All the rest of it
Anno: 2015
Durata: 60'
Regista: Cristiano Regina
Direttore della fotografia: Cristiano Regina
Montatore: Cristiano Regina

Colore: Color
Formato: HD
Lingua originale: italiano
Genere: Biography & Ethnography & Human Interest
Tema: Diritti umani - Disagio psichico - Emarginazione sociale
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: in produzione
Data Uscita: 01-06-2015

Nome: cristiano
Cognome: regina
E-mail: cristiano.regina@gmail.com
Sito web: link al sito

Sinossi:
Modena, quartiere San Cataldo. Tra il cimitero e i binari ferroviari sorge il centro di accoglienza Caritas Porta Aperta. Agli ospiti del dormitorio è offerto vitto completo, la durata media della permanenza di sei mesi. Ciascuno degli utenti presta la propria opera volontariamente in cambio di accoglienza. Nei corridoi, nelle sale e nei cortili della struttura affiorano le voci e i racconti di chi ha perso tutto e ora è in cerca di riscatto: quando in una situazione di grave difficoltà non hai più la casa, il lavoro o gli affetti, poi cosa resta? Una piccola comunità con divisione dei compiti in cui il tentativo di ogni giorno è ridefinirsi attraverso una nuova identità, per non lasciarsi andare. La struttura diviene così luogo assoluto, sospeso nel tempo e nello spazio, e le vicende umane metafore di un presente vicino e sotterraneo. Al di là delle macerie e delle derive, una inedita possibilità di approdo.