Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

TRAILER

VIDEO CORRELATI

  

Giorgia vive

(2016 - 70')

Genre: Biography & Docu-Reality & Educational
Synopsis: “Un giorno, una ragazza di 17 anni decide di assumere mezza pasticca di ecstasy che in poche ore devasta il suo fegato, oltre che la sua vita. Inizia ...

continue

  

Non si può vivere senza una giacchetta lilla

(2016 - 49')

Genre: Biography
Synopsis: Questo documentario racconta la vita intensa e appassionata di Lidia Menapace, partigiana, senatrice della Repubblica Italiana, fondatrice del Manifes...

continue

  

Il museo chiude quando l'autore è stanco

(2013 - 23')

Genre: Arts & Culture & Biography & Human Interest
Synopsis: "Il museo chiude quando l'autore è stanco" è un documentario sull'artista romano Fausto Delle Chiaie. L'idea di questo cortom...

continue

  

Uberto degli specchi

(2016 - 75')

Genre: Arts & Culture & Biography
Synopsis: La storia dello scenografo Uberto Bertacca (Viareggio, 1936) è fatta di lavoro e creatività, passione e intuizione, artigianalità...

continue

  

HOME MOVIE

(2016 - 83')

Genre: Biography & Docu-Reality
Synopsis: Home Movie è un film documentario che ho girato su me stesso. E’ un ritratto. E’ la storia di un regista indipendente. Questo film nasce dal...

continue

FILMS

Mario Carbone, il fotografo con la macchina da presa


Titolo inglese: Mario Carbone, the photographer with a cinecamera
Anno: 2015
Durata: 55'
Regista: Giuseppe D'Addino

Colore: Color / B&W
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Genere: Biography
Tema: Fotografia
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: in produzione
Sito web: visita il sito

Nome: Giuseppe
Cognome: D'Addino
E-mail: info@informaticaxtutti.it
Sito web: link al sito

Sinossi:
Nel contesto della storia politica, sociale, culturale e artistica italiana dalla fine degli anni Cinquanta in poi, il documentario si sviluppa attraverso il punto di vista di Mario Carbone, fotografo e documentarista che ne è stato testimone e ha fatto dell’osservazione diretta la sua professione. Dal viaggio con Carlo Levi in Lucania nel 1960 alle prime immagini dell’alluvione di Firenze del 1966, dal terremoto del Belice del 1968 alla manifestazione studentesca di Valle Giulia, Mario Carbone opera con la macchina da presa e con quella fotografica in quello che egli stesso definisce “un modo intuitivo, spontaneo e non meditato”.