Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

TRAILER

FILMS

Dustur

altre informazioni
contatti

Dustur


Titolo inglese: Constitution
Anno: 2015
Durata: 75'
Regista: Marco santarelli
Direttore della fotografia: Marco santarelli
Montatore: Marco santarelli
Producer: Rino Sciarretta & Marco santarelli
Società di produzione: Zivago Media
Distribuzione: Istituto Luce Cinecittà Srl

Colore: Color
Formato: DIGITAL BETACAM
Ratio: 16:9
Lingua originale: ita/arabic
Sottotitolo: ing/ita
Genere: Human Interest
Tema: Popoli & tradizioni - Religione - Storie dal carcere
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 22-11-2015

Nome: rino
Cognome: sciarretta
Società: zivago media
E-mail: zivagomedia@gmail.com

Sinossi:
Nella biblioteca del carcere Dozza di Bologna, insegnanti e volontari hanno organizzato un corso scolastico sulla Costituzione italiana in dialogo con le primavere arabe e le tradizioni islamiche. I partecipanti sono prevalentemente detenuti musulmani: alcuni di loro sono giovanissimi e al primo reato, altri hanno alle spalle molti anni di carcere. A tenere le fila del corso c’è Ignazio, un volontario religioso che ha vissuto per molti anni in Medio Oriente. Durante gli incontri, Ignazio non è solo. Al suo fianco c’è un giovane mediatore culturale musulmano: Yassine. A lui spetta il compito di tradurre in italiano (e in un arabo comprensibile da tutti) i diversi dialetti parlati dai detenuti e mediare le posizione più estreme. Per ogni incontro-lezione è presente un ospite esterno. Mentre nella biblioteca del carcere, incontro dopo incontro, ospite dopo ospite si discute e si affrontano i principi e i valori che hanno animato la nascita della Costituzione, fuori, Samad, un giovane ex detenuto marocchino, vive l’attesa di un fine pena che tarda ad arrivare. Samad è alle prese con gli “inverni e le primavere” della libertà e una vita da ricostruire dentro nuove regole. Sarà l'ultimo ospite del corso, che tornerà dentro per partecipare alla discussione e alla scrittura di un dustur ideale (in italiano dustur significa Costituzione). Samad conosce bene molti dei detenuti che partecipano al corso e la vita dentro il carcere bolognese


Note:
E’ nel 2011, durante le riprese del mio precedente documentario sul carcere (Milleunanotte), che ho conosciuto Ignazio e Samad, il volontario religioso e il giovane ex detenuto. Il cristiano e il musulmano: due mondi solo apparentemente distanti. Ed è grazie alle loro storie e alla loro passione per un “mondo migliore” che nasce Dustur. Un viaggio dentro e fuori il carcere, dentro e fuori i confini della libertà. Un dentro e fuori, che solo alla fine si toccheranno. Un viaggio che comincia dietro le sbarre di una biblioteca, per concludersi sull’Appennino, in uno dei luoghi simbolo della Resistenza e della Costituzione italiana.


Festival:
33° Torino Film Festival