Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

VIDEO CORRELATI

  

Contadini a Milano

(2014 - 19')

Genre: Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Milano, città della moda, della finanza e dei media.Città dell'Expo, ma anche città di agricoltori.Cosa significa fare i contadin...

continue

  

Tempi moderni 3.0

(2016 - 51')

Genre: Docu-fiction
Synopsis: Un senzatetto italiano che distribuisce volantini ad un semaforo commissiona un video promozionale per far conoscere il suo lavoro e la sua filosofia ...

continue

  

Skyline - Architects for Milan

(2015 - 30' x 6)

Genre: Arts & Culture
Synopsis: “Skyline. Architects for Milan” presents 6 informative monographs looking at the word’s masters of architecture. After having changed the Skyline of m...

continue

  

Asmarina

(2015 - 69')

Genre: Docu-Reality & Ethnography & History
Synopsis: ASMARINA Voci e volti di una eredità postcoloniale Alan Maglio e Medhin Paolos presentano il loro documentario “Asmarina”, realizzato al...

continue

  

Ex/Out

(2014 - 38')

Genre: Biography & Docu-Reality
Synopsis: Il documentario EX/OUT si sviluppa intorno al tema della finanza e della ricchezza indagando la vita di uomini e donne che appartengono o aspirano a q...

continue

FILMS

Ancora Vivi - Bar Boon Band


Titolo inglese: Still Alive - Bar Boon Band
Anno: 2015
Durata: 78'
Regista: Massimo FANELLI
Autore: Massimo FANELLI
Direttore della fotografia: Francesco CICCONE
Montatore: Andrea BONANNI
Musiche: Fabrizio FORNACI & Band Bar Boon
Producer: Massimo FANELLI

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Sottotitolo: inglese
Genere: Arts & Culture & Docu-Reality
Tema: Diritti umani - Emarginazione sociale - Migrazione - Multiculturalità & Integrazione - Musica & Danza
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 18-12-2015
Sito web: visita il sito

Nome: massimo
Cognome: fanelli
Società: technogest roma srl
E-mail: maxfanelli@yahoo.com
Sito web: link al sito

Sinossi:
Ancora vivi è un’opera al confine tra il film e il documentario. Dall’alba al tramonto si racconta la giornata della Bar Boon Band, la band musicale fondata dai senzatetto di Milano, e dei suoi componenti alle prese con l’organizzazione del concerto di Natale. Grande protagonista del film è la loro musica che racconta le storie e le vicissitudini di tante persone legate a una realtà così nascosta, difficile e profonda: dalle difficoltà incontrate dagli immigrati e dai profughi ai poveri in generale, si assiste alla storia di un mondo sotterraneo con le sue proprie regole in cui la solitudine esistenziale si fonde con la tensione verso l'assoluto e la ricerca della felicità propria dell'essere umano. Il film che ne viene fuori è un ritratto poetico, profondo e vero, che evidenzia, al contempo, l’importante necessità dell’arte nella società contemporanea.


Note:
La Bar Boon Band fa capo al Centro Sos Stazione Centrale, un "buco" sotto il ponte delle ferrovie senza aria e senza finestre.
Tuttavia, in questo buco, da 30 anni immigrati, poveri, profughi, tossici, alcolizzati, prostitute e tanti altri disperati trovano riparo e aiuto e, se vogliono, possono esprimersi e distrarsi per un momento.
Durante questi anni, grazie a questo Centro e al lavoro dei volontari, si sono salvate tante persone che sono riuscite a ritrovare un lavoro o, almeno, uno stimolo per ripartire. Altre non ce l'hanno fatta e sono morte.
Ora questo Centro sta per chiudere a causa di mancanza di fondi, un po' per la crisi economica e un po'perchè, probabilmente, per politici è una realtà scomoda che non gli porta neanche voti.
Questo film è stato realizzato anche per mettere in luce questa drammatica situazione perchè si possa trovare una soluzione definitiva e stabile a questo grosso problema.