Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

TRAILER

VIDEO CORRELATI

  

Auschwitz is my Teacher

(2012 - 52')

Genre: History & Human Interest
Synopsis: A novembre di quest’anno 18 ragazzi (israeliani, arabo palestinesi, tedeschi, polacchi, svizzeri, americani e due ragazzi di Trento, coinvolti gi&agra...

continue

  

Al riparo degli alberi

(2016 - 52')

Genre: Biography & Educational & History
Synopsis: “Nella tradizione ebraica quando qualcuno non c'è più il modo migliore per ricordarlo è piantare un albero, perché l&igrav...

continue

  

I Nemici del Silenzio

(2011 - 62')

Genre: Arts & Culture & History & Human Interest
Synopsis: A Cimego, piccolo paesino di montagna in Trentino Alto Adige, vivono circa quattrocento abitanti e ben quaranta di loro fanno parte attivamente dell’a...

continue

  

2 DICEMBRE 1943: INFERNO SU BARI

(2014 - 63')

Genre: History
Synopsis: Centinaia di morti misteriose di militari e civili avvengono a Bari dopo un devastante attacco aereo tedesco sulle navi Alleate. Perché il bom...

continue

  

E' “Pèn dé mond”

(2017 - 58')

Genre: Biography & Docu-Reality & History
Synopsis: É “Pèn dé mond” - Il Pane del mondo è una mia Romagna. Torno in Romagna per Dante, per un antico manoscritto di famiglia...

continue

FILMS

Ferramonti: Il campo Sospeso


Titolo inglese: Ferramonti: The hidden concentration camp
Anno: 2013
Durata: 75'
Regista: Cristian Calabretta
Autore: Cristian Calabretta & Edoardo Montanari
Direttore della fotografia: Simone Pagano
Montatore: - Sablone Clemente Foggia Ferdinando
Musiche: Antonio Orrico
Producer: Cristian Calabretta

Colore: Color / B&W
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Sottotitolo: inglese
Genere: History
Tema: Storia contemporanea
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 07-10-2013
Sito web: visita il sito

Nome: Cristian
Cognome: Calabretta
E-mail: criscalabretta@gmail.com

Sinossi:
Ferramonti: Il campo sospeso, è un film documentario che parla del principale campo d'internamento tra i tanti voluti dal regime fascista tra il giugno e il settembre 1940, all'indomani dell'entrata dell'Italia nella seconda guerra mondiale, dove vennero rinchiusi ebrei, apolidi e slavi. Il campo fu liberato dagli inglesi nel settembre del 1943, ma molti ex-internati rimasero a Ferramonti anche negli anni successivi e il campo di Ferramonti fu ufficialmente chiuso solo l'11 dicembre 1945. Partendo dal giorno della memoria che viene celebrato ogni anno per commemorare le vittime del nazionalsocialismo, del fascismo e dell'Olocausto, in onore di coloro che a rischio della propria vita hanno protetto i perseguitati, il documentario si snoda attraverso un'accurata ricostruzione dei fatti. Dalla scelta del luogo dove far sorgere il campo fino alla sua costruzione, dalla vita regolamentata che si svolgeva all'interno di esso, ai rapporti che intercorrevano fra prigionieri di etnie diverse, passando per le testimonianze di storici, superstiti e documenti originali, (c'è anche un filmato originale del campo girato da un operatore militare inglese in possesso dell'Imperial War Museum di Londra) la volontà è quella di approfondire l'argomento in tutte le sue particolarità per dare un quadro il più realistico possibile di una periodo lontano nel tempo e nello spazio, ma che fa parte di una storia mai dimenticata.


Festival:
Premio del Pubblico al Visual Fest 2013

Proiettato al Mipdoc di Cannes 2014