Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

VIDEO CORRELATI

  

Paolo Resmini architetto e designer

(2015 - 40')

Genre: Arts & Culture
Synopsis: Il film ripercorre la storia di un architetto e designer attraverso il contributo di interviste a esperti, a committenti, a collaboratori, completate ...

continue

  

Amore tra le rovine

(2014 - 67')

Genre: Arts & Culture & Biography & Docu-fiction
Synopsis: Amore tra le rovine è la storia immaginaria della miracolosa scoperta di un film muto italiano, da lungo tempo creduto perso, e del suo restaur...

continue

  

Il Fiume Po

(2014 - 52')

Genre: Adventure & Travels & Lifestyle & Nature & Environment
Synopsis: Un viaggio lungo le sponde del Fiume Po, il più grande fiume d’Italia che nasce ai piedi del Monviso a Pian del Re in provincia di Cuneo ad un...

continue

  

Blackout

(2014 - 43')

Genre: Docu-Reality
Synopsis: Suoni e sensazioni sulla notte del terremoto a L’Aquila attraverso i ricordi di medici, paramedici e guide spirituali che incrociano le loro emozioni ...

continue

  

Habitat - note personali

(2014 - 61')

Genre: Ethnography & Human Interest & Personal Viewpoint
Synopsis: Habitat è la storia lunga cinque anni di tre ex compagni di tenda rimasti a L’Aquila. Uno, Alessio, era uno squatter ed è divenuto agent...

continue

FILMS

COSEsalve


Titolo inglese: savedTHINGS
Anno: 2015
Durata: 60'
Regista: Alberta Pellacani

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Sottotitolo: italiano su dialetto
Genere: Human Interest & Personal Viewpoint
Tema: Diritti umani
Paese di produzione: Italia

Nome: Arianna
Cognome: Rossini
Società: Vivo film
E-mail: ariannarossini@vivofilm.it

Sinossi:
COSEsalve è un diario per immagini e voci di quello che è successo, e ancora succede, in Emilia dopo il terremoto. È una riflessione sulle cose che ci circondano, su quelle che sono rimaste, su quelle che non ci sono più. Su quelle che scegliamo di salvare e quelle che sono perse per sempre. Alberta Pellacani ha iniziato a filmare nell’estate del 2012, tra giugno e luglio, cercando di unire documento e sentimento, raccontando attraverso diverse immagini, microstorie di famiglie e singoli, le loro emozioni e memorie. Alberta Pellacani ha deciso di continuare a seguire le persone e le cose d’inverno e poi ancora in primavera, e poi di nuovo in estate. Ha attraversato il gelo e ha atteso che tornasse il sole. Un racconto in più tempi dove le cose, e le loro ferite, il paesaggio trasformato, sono lo specchio di una dimensione interiore, scossa, trasformata, ma capace di reagire e di vincere la paura.