Vai direttamente ai contenuti della pagina

TRAILER

VIDEO CORRELATI

  

Il Carracci Perduto

(2012 - 52')

Genre: Arts & Culture & History
Synopsis: Bologna. La storia del ritrovamento di un dipinto di Ludovico Carracci che si riteneva disperso da più di due secoli s’incrocia col meticoloso ...

continue

  

Alias Pellegrino Tibaldi. Le due anime del Cinquecento

(2015 - 52')

Genre: Arts & Culture
Synopsis: Un viaggio attraverso i luoghi e le opere di Pellegrino de' Pellegrini alias Pellegrino Tibaldi (Puria Valsolda 1527 - Milano 1596), sommo artista del...

continue

  

Sul nome B.a.c.h.

(2011 - 120')

Genre: Arts & Culture & Biography & Docu-fiction
Synopsis: Contrappunti con "L'arte della fuga". Un viaggio da Eisenach a Lubecca, sulle tracce di Bach, dentro una delle opere più emblematich...

continue

  

Il magnifico inganno

(2010 - 47')

Genre: Biography & Crime & History
Synopsis: E' stato non solo uno degli episodi più oscuri e drammatici del Rinascimento ma, secondo Machiavelli, si è trattato di un vero e proprio...

continue

  

Delitto a corte

(2007 - 40')

Genre: Biography & Crime & History
Synopsis: Una squadra di studiosi ha trovato le prove che il Granduca di Toscana Francesco I e la sua seconda – e chiacchieratissima – moglie, Bianca Cappello,...

continue

FILMS

O Dolorosa gioia


Titolo inglese: Oh dolorous joy
Anno: 2015
Durata: 90' x 13 episodi
Regista: Francesco Leprino
Autore: Leprino Francesco
Direttore della fotografia: Cavandoli Sergio
Musiche: Venosa Gesualdo da

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Sottotitolo: inglese
Genere: Arts & Culture & Biography & Docu-fiction
Tema: Musica & Danza - Storia antica
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 01-05-2015
Sito web: visita il sito

Nome: Francesco
Cognome: Leprino
Società: U.E.C.A.
E-mail: gransole@gransole.net
Sito web: link al sito

Sinossi:
Un film sul musicista rinascimentale Carlo Gesualdo Principe di Venosa, che parte dalla sua musica e dai suoi testi madrigalistici per risalire alle vicende umane, in cui le immagini che suggeriscono i versi fanno baluginare flash biografici della sua esistenza. L’occasione centrale resta il tormento che scaturisce dai madrigali, dai loro ossimori, dalle loro forti dissonanze sonore, mentre temperie portante è la rappresentazione delle ossessioni di Gesualdo. Il film è la composizione di un dissidio musicale, verbale e interiore, per restituire una risultante armonica di un personaggio solo apparentemente contraddittorio: nella logica della sua musica e della sua follia, c’è il tentativo di comprenderlo, senza etichette. Una polifonia di “trame” si contrappuntano nel film: anzitutto quella musicale, quindi quella storica, quella processuale, quella della mitologia popolare, quella della fiction, quella musicologica, quella iconografica e documentaria.


Note:
Carlo Gesualdo: Visionario? Rivoluzionario? Pazzo? Sadomasochista? Solipsista? Vittima? Debole? Schizofrenico? Perseguitato? Crudele? Melanconico? Saturnino? Nessuna risposta se non quella della sua musica, in cui questi aspetti si confondono senza soluzione di continuità, come il sovrapporsi delle linee contrappuntistiche. La musica può esprimere la follia e, al tempo stesso, armonizzare i dissidi interiori e il mondo.