Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

TRAILER

FILMS

Sensibile


Titolo inglese: Sensitive
Anno: 2016
Durata: 111'
Regista: Alessandro Quadretti
Direttore della fotografia: Matteo De Martini
Montatore: Alessandro Quadretti
Musiche: Massi Amadori & Gianluca De Lorenzi
Producer: Alessandro Quadretti

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Sottotitolo: inglese
Genere: Human Interest & Lifestyle & Nature & Environment
Tema: Ambiente - Diritti umani - Emarginazione sociale - On the road - Salute e Benessere
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 20-10-2016
Sito web: visita il sito

Nome: Alessandro
Cognome: Quadretti
Società: Officinemedia Soc. Coop.
E-mail: zabris@gmail.com
Sito web: link al sito

Sinossi:
Gli acronimi inglesi MCS e EHS indicano due controverse patologie: la Sensibilità Chimica Multipla e la Elettrosensibilità. Tali condizioni, a volte presenti nello stesso soggetto, comportano l’impossibilità di tollerare esposizioni a sostanze chimiche, nel primo caso, o a campi elettromagnetici, nel secondo, anche in quantità minime. Poche sono ancora le nazioni che hanno intrapreso un percorso di ricerca indipendente e d’identificazione della malattia. Permane in alcuni ambienti scientifici una certa perplessità circa la natura fisiologica e le cause tossico-ambientali di queste malattie; in Italia la situazione è particolarmente complicata, dato che le istituzioni tardano a riconoscere sia le patologie, sia i diritti dei malati: questi sono spesso costretti, se possono permetterselo, a costosissime trasferte all’estero dove si praticano cure che nel nostro paese non sono consentite; in alternativa, sono costretti a vivere un vita di rinunce, isolandosi e perdendo relazioni, lavoro e affetti. “SENSIBILE”, primo documentario italiano sul tema prodotto da Officinemedia per la regia di Alessandro Quadretti, racconta le storie di chi soffre e di chi cura, di chi ha dovuto reinventare la sua vita, affrontando i cambiamenti indotti dalla malattia; ma soprattutto vuole evidenziare, oltre la retorica e i facili slogan, che le malattie ambientali sono un problema di tutti. Perchè un ambiente malsano, aggressivo e inospitale sarà sempre una minaccia, anche per chi ora non è malato.