Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

TRAILER

VIDEO CORRELATI

  

Tsunami Tour - Un comico vi seppellirà

(2013 - 60')

Genre: Human Interest & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Qualunquista o fustigatore? Demagogo o rivoluzionario? Chi è veramente Beppe Grillo, il vincitore delle elezioni politiche più incerte d...

continue

  

Apolitics Now! tragicommedia di una campagna elettorale

(2013 - 52')

Genre: Human Interest & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Apolitics Now! tragi-commedia d’una campagna elettorale è il racconto della fine di un epoca, la deriva di un Paese che soffre ma continua a sg...

continue

  

The Stone River

(2013 - 88')

Genre: History & Nature & Environment & Personal Viewpoint
Synopsis: Un anziano scultore vaga nel cimitero di Hope, interrogando le tombe dei lavoratori della pietra che a cavallo tra Ottocento e Novecento partendo da C...

continue

  

Shadows of Endurance

(2016 - 22')

Genre: Adventure & Travels & Ethnography & History
Synopsis: Shadows of Endurance è un corto doc girato nella Contea di Harlan, in Kentucky, ispirato dal capolavoro di storia orale di Alessandro Portelli,...

continue

  

Renato Carosone: Un americano a Napoli

(2011 - 50')

Genre: Biography
Synopsis: C’è stata un’epoca in cui i musicisti italiani erano i più apprezzati e richiesti in tutto il mondo, pari soltanto ai colleghi americani...

continue

FILMS

Il Presidente del mondo


Titolo inglese: The President of the world
Anno: 2016
Durata: 50'
Regista: Francesco Merini & Michele Cogo
Direttore della fotografia: Michele Mellara & Francesco Merini
Producer: Ilaria Malagutti
Società di produzione: Mammut Film S.r.l

Colore: Color
Formato: HDV
Ratio: 4:3
Lingua originale: italiano
Genere: Investigation, Reportage & Current Affaires
Tema: Mass media & informazione - Politica & Società
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 07-10-2016

Nome: Ilaria
Cognome: Malagutti
E-mail: malagutti@mammutfilm.it

Sinossi:
Il film racconta la storia di un piccolo paesino toscano i cui cittadini hanno deciso che dal momento che il Presidente degli Stati Uniti è una sorta di capo del mondo vogliono votarlo anche loro. Il protagonista e narratore è Stefano Marmugi, l’assessore alla cultura della California. Marmugi ci racconta come è nata l’idea e tutte le tappe del suo svolgimento: le riunioni con i cittadini, le prove degli inni con la banda locale, le lezioni di inglese per prepararsi a incontrare diplomatici stranieri, le telefonate ad altre Californie sparse per il mondo. E poi i candidati locali, che si affiancano a quelli ufficiali americani e che alla California toscana fanno comizi, vanno in tv e promuovono la loro personale idea del mondo. Tanti piccoli avvenimenti che ci accompagnano per mano verso l’Election Day, in un naturale crescendo di tensione e complessità: arriva quindi il giorno di montare le cabine elettorali, la stampa delle migliaia di schede, il coinvolgimento dei volontari alle urne sino ad arrivare all’Election Day: l’assalto delle televisioni, dei giornali, la risonanza nazionale, le dirette televisive e la stanchezza di Marmugi, stremato da mesi di lavoro. E poi, l’incontro con il console americano a Firenze e il tentativo fallito di raggiungere la Casa Bianca che si traduce nella decisione di Marmugi di riempire una damigiana di schede votate e buttarla in mare, sperando che così possa raggiungere New York come nelle migliori favole.


Note:
Da anni ci chiediamo perché non possiamo votare il Presidente degli Stati Uniti dal momento che è una sorta di capo del mondo e le sue scelte influenzano le nostre vite? Ci sembra un’idea molto forte e immediata che si porta dietro una storia importante da raccontare.
Nel documentario la messa in scena dell’evento è raccontata come un’unica storia, la storia della realizzazione di un sogno. Il film ha così diversi piani di lettura che coesistono e dialogano tra loro: su un piano più profondo mette in scena uno dei miti fondativi della storia americana, il sogno americano appunto. Realizzando un’idea che può sembrare impossibile, infatti, gli stessi abitanti della California si fanno portatori di un sogno americano. Su un piano più immediato il film pone in modo scherzoso delle questioni politiche di grande importanza, che hanno a che fare con il problema della cittadinanza e il ruolo delle democrazie nel mondo globalizzato.


Festival:
Visioni dal mondo - Milano