Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

TRAILER

VIDEO CORRELATI

  

MaldiMare

(2014 - 71')

Genre: Educational & Human Interest & Nature & Environment
Synopsis: Il tempo sembra essersi fermato alla Rivoluzione Industriale dell'800, con i palazzi decadenti del borgo vecchio e il fascino antico dei pescatori a f...

continue

  

Buongiorno Taranto

(2014 - 86')

Genre: Educational & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Buongiorno Taranto racconta tensioni e passioni di una città immersa in una nuvola di smog, una città intossicata ad un livello insosten...

continue

  

In viaggio con Cecilia

(2013 - 74')

Genre: History & Human Interest & Personal Viewpoint
Synopsis: Estate 2012. Le due registe hanno in programma di raccontare con un film on the road com’è cambiata la Puglia, loro terra d’origine e tema cent...

continue

  

I Cavalieri della Laguna

(2014 - 100')

Genre: Ethnography & Lifestyle & Nature & Environment
Synopsis: La storia di una comunità di pescatori che per continuare ad esistere, ha saputo rinnovarsi guardando al passato. Un viaggio umano e poeti...

continue

  

Le più piccole del '68

(2015 - 55')

Genre: Biography & History & Human Interest
Synopsis: Il 18 giugno 1968, cinquanta giovanissime operaie occupano l'unica fabbrica di Manziana, un paese tra i boschi in provincia di Roma, per scongiurarne ...

continue

FILMS

La Gente Resta


Titolo inglese: La Gente Resta
Anno: 2015
Durata: 61'
Regista: Maria Tilli
Società di produzione: Fabrica spa

Colore: Color
Formato: HD
Lingua originale: italiano
Genere: Docu-Reality
Tema: Ambiente
Paese di produzione: Italia
Sito web: visita il sito

Nome: Lisa
Cognome: Martelli
E-mail: lisa@fabrica.it

Sinossi:
L’ILVA è la più grande industria siderurgica d’Europa. Con le sue alte ciminiere domina il quartiere Tamburi di Taranto. Lo avvolge con le sue polveri, lo costringe a scegliere tra salute e lavoro, tra i sogni infranti del boom economico e la speranza di miglioramento. Chi vive ai Tamburi cerca di mantenere la normalità della famiglia, dell’infanzia, dell’amore, anche se costretto a fronteggiarsi ogni giorno con una vita piena di contraddizioni. Condizionato da quella fabbrica immensa che ha portato con sé il pericolo della diossina, ma anche il lavoro che all’inizio degli anni ’60 ha spinto tanti a abbandonare le reti da pesca ed entrare in fabbrica. Anche i fratelli Cosimo, Tonino e Giuseppe Resta nascono pescatori, ma oggi lavorano in fabbrica: Cosimo è saldatore, Tonino caporeparto, Giuseppe invece fa le pulizie. Eppure non rinunciano al mare, a pescare, o almeno a riunirsi per cena tutti insieme sulle rive del Mar Piccolo, anche lì circondati dagli stabilimenti ILVA. Questo è il racconto di chi ha deciso di restare nella propria terra, con rabbia e rassegnazione insieme, mentre tanti la abbandonavano. Di chi ha scelto di continuare la sua vita sulle macerie delle promesse industriali. Una famiglia, una piccola comunità, divisa tra la trasgressione vitale dei bambini, la mollezza degli adolescenti e il mondo degli adulti frantumato e sospeso.