Vai direttamente ai contenuti della pagina

TRAILER

VIDEO CORRELATI

  

Italiani per Scelta

(2012 - 49')

Genre: History & Human Interest
Synopsis: Tra il 1944 e la fine degli anni Cinquanta gran parte degli italiani residenti a Fiume, Istria e Dalmazia, abbandonò la casa, il lavoro e gli a...

continue

  

Other Than Our Sea

(2015 - 10')

Genre: Adventure & Travels & Ethnography & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Dai resti di un'antica colonia greca nell'Italia meridionale, ai naufragi contemporanei nel Mar Mediterraneo, una storia di esplorazione raccontata at...

continue

  

An Anarchist Life

(2014 - 52')

Genre: Biography & Docu-Reality & Personal Viewpoint
Synopsis: E' un racconto d'avventura rocambolesca, una storia esemplare, di tensione e pratica rivoluzionaria, tra anarchia ed ironia, semplicità, cur...

continue

  

La casa nuova

(2012 - 48')

Genre: Ethnography & Lifestyle
Synopsis: Dopo mezzo secolo, uno dei mercati più antichi e conosciuti dI BARI, quello di Via Monte Grappa, viene trasferito in una nuova e moderna sede. ...

continue

  

Anija- la nave

(2012 - 80')

Genre: History & Human Interest
Synopsis: Nei primi giorni di marzo del 1991, all’orizzonte della costa Adriatica dell’Italia meridionale fecero la loro apparizione fantasmagorica alcune navi ...

continue

FILMS

L' ULTIMA SPIAGGIA. Pola fra la strage di Vergarolla e l'esodo


Titolo inglese: THE LAST BEACH
Anno: 2016
Durata: 89'
Regista: Alessandro Quadretti

Colore: Color / B&W
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Sottotitolo: /
Genere: Crime & Docu-fiction & History
Tema: Guerra & Conflitti - Migrazione - Storia contemporanea
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 08-02-2016
Sito web: visita il sito

Nome: Alessandro
Cognome: Quadretti
Società: Officinemedia Soc. Coop.
E-mail: zabris@gmail.com
Sito web: link al sito

Sinossi:
Il 18 agosto 1946, sulla spiaggia polesana di Vergarolla, la comunità italiana della città – enclave di Zona A sotto incessante pressione da molti mesi per via dell’occupazione titina della Zona B e del contenzioso in atto in merito alla sovranità futura da assegnare al territorio istriano – si riunisce per una tradizionale gara di nuoto che è anche occasione per una gita fuori-porta. Una catasta di ordigni bellici, disinnescati un anno prima (tanto che i locali le ritenevano ormai parte del paesaggio marinaro) esplode d’improvviso annientando intere famiglie in maniera così brutale da impedire per sempre un conteggio esatto delle vittime finali (alcune furono letteralmente polverizzate dalla detonazione). La paternità dell’attentato non è stata mai completamente accertata, ma moltissimi solidi indizi portano all’OZNA (il servizio segreto yugoslavo), che con questa eterodossa azione avrebbe inteso forzare la mano alla componente italiana della popolazione istriana, spingendola definitivamente all’esilio e modificando con ciò i rapporti di forza nella regione dell’adriatico nord-orientale.