Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

TRAILER

VIDEO CORRELATI

  

Porto il Velo, Adoro i Queen

(2016 - 81')

Genre: Docu-fiction & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: L’Islam è un mondo complesso ed è sempre più spesso oggetto di semplificazioni e pregiudizi, mentre il punto di vista delle donne...

continue

  

Il loro Natale

(2010 - 73')

Genre: Human Interest
Synopsis: "Il loro Natale" racconta la vita delle donne dei detenuti nelle carceri di Napoli. Maddalena e Mariarca, Titina e Stefania, trascorrono gio...

continue

  

Cesare Lombroso, Il lato oscuro

(2014 - 60')

Genre: Docu-fiction
Synopsis: Il personaggio Cesare Lombroso nasce a Verona, il 6 novembre 1835 e muore a Torino, il 19 ottobre 1909. E’ stato un antropologo, criminologo e giuris...

continue

  

Common Ground

(2015 - 52')

Genre: Docu-Reality & Ethnography & History
Synopsis: Common Ground è un documentario sul centenario del genocidio armeno. La Turchia non ha ancora riconosciuto le sue responsabilità, cancel...

continue

  

A tempo debito

(2015 - 82')

Genre: Docu-Reality & Human Interest & Personal Viewpoint
Synopsis: Padua’s temporary jail is overcrowded. A small crew enters the jail to shoot a short film written and played by some detainees. After a real casting,...

continue

FILMS

Paura non abbiamo


Titolo inglese: We Have No Fear
Anno: 2017
Durata: 70'
Regista: Andrea Bacci
Autore: Andrea Bacci & Eloisa Betti & Mirco Dondi
Direttore della fotografia: Marcello Montarsi
Montatore: Andrea Bacci
Musiche: Teho Teardo
Società di produzione: Seven Lives Film Srl

Colore: Color / B&W
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Sottotitolo: inglese
Genere: History & Human Interest
Tema: Diritti umani - Lavoro - Storia contemporanea - Storie al femminile - Storie dal carcere
Paese di produzione: Italia
Sito web: visita il sito

Nome: Andrea
Cognome: Bacci
Società: Seven Lives Film Srl
E-mail: andreabacci7@gmail.com

Sinossi:
Bologna, 8 marzo 1955. Anna e Angela furono arrestate mentre distribuivano mimosa in occasione della Giornata Internazionale della Donna e condannate a un mese di reclusione da scontare presso il carcere di San Giovanni in Monte, oggi sede del dipartimento di Storia Culture Civiltà dell’Università di Bologna. Nel pieno della guerra fredda e della violenta repressione perpetrata dalla polizia nei confronti del movimento operaio durante scioperi e manifestazioni, persino un innocuo fiore come la mimosa veniva considerato un simbolo sovversivo, sinonimo della lotta per l’emancipazione femminile.