Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

Invisibili

(2016 - 28')

Genre: Docu-Reality
Synopsis: «Sono un bambino, ho paura». Abdul, sedici anni, s’accende una sigaretta mentre stringe a sé due sacchetti di plastica blu. Con lu...

continue

  

This is not paradise

(2014 - 52')

Genre: Docu-Reality
Synopsis: In Libano migliaia di donne di servizio migranti vivono in condizione di semi-schiavitù e senza alcuna protezione legale. Si stima che dal 2007...

continue

  

Aicha è tornata

(2011 - 35')

Genre: Docu-Reality
Synopsis: Il documentario racconta le migrazioni di ritorno nelle province di Khouribga,Beni Mellal e Fkih Ben Salah, principali bacini d’emigrazione dal Marocc...

continue

  

Not in Italy

(2015 - 14')

Genre: Docu-Reality & Human Interest & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: L’Italia è l’unico paese tra quelli che hanno fondato l’Unione Europea che non ha ancora legiferato su unioni civili e matrimoni gay. Un grupp...

continue

  

Non voltarti indietro

(2016 - 75')

Genre: Docu-fiction & Human Interest & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Una commercialista, un impiegato delle poste, uno stilista di moda, un assessore comunale, una dipendente pubblica. Cinque persone come tante, con gio...

continue

FILMS

Nemico dell'Islam? (Un incontro con Nouri Bouzid)


Titolo inglese: Enemy of Islam? (A meeting with Nouri Bouzid)
Anno: 2015
Durata: 74'
Regista: Stefano GROSSI
Montatore: Luca Mandrile

Colore: Color / B&W
Formato: DV
Ratio: 4:3
Lingua originale: italiano, francese, arabo
Sottotitolo: inglese
Genere: Arts & Culture & History & Personal Viewpoint
Tema: Cinema & Teatro - Multiculturalità & Integrazione - Politica & Società
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: in produzione

Nome: Alfredo
Cognome: Borrelli
Società: Own Air Srl
E-mail: a.borrelli@ownair.it
Sito web: link al sito

Sinossi:
Nouri Bouzid è il più importante regista tunisino. Ha raccontato nei suoi film tutto ciò che sembra impossibile raccontare dall’interno di un paese arabo: omofobia, tortura, prigionia politica, repressione, patriarcato, integralismo religioso, antisemitismo, patologie sessuali. Non ha trascurato nulla, senza dimenticare che nel cinema (come nella vita) lo stile è la cosa più importante: e che le storie che stanno a cuore bisogna raccontarle in modo prodigioso, perché chi guarda non desideri guardarne altre.


Note:
“Tre mesi dopo la rivoluzione Ennahda ha organizzato una serata di gala al Palazzo dei Congressi di Tunisi. Un rapper, Psicho M, ha cantato: Scaricherò il mio Kalachnikov sul regista di Making-off! Io proclamo Nouri Bouzid nemico dell'Islam! Il pubblico è scoppiato in un applauso scrosciante, gridando: Allah Ou Akbar! Tre giorni dopo sono stato aggredito con una sbarra metallica mentre partecipavo a un incontro con gli studenti all'università. Il mio cappello ha attutito il colpo, ma ho avuto ugualmente nove punti di sutura. Sui giornali se ne è parlato, gli islamisti hanno detto: In fondo è solo una canzone, non bisogna esagerarare! Oggi ho accettato l'idea di potere essere ucciso. E' così che vivo, ora."

Nouri Bouzid Intervista (aprile 2013)


Festival:
Nessuno