Vai direttamente ai contenuti della pagina

TRAILER

VIDEO CORRELATI

  

The Lives of Mecca

(2016 - 54')

Genre: Human Interest
Synopsis: Ognuno di noi combatte tutti i giorni una dura battaglia. Gli handballers sublimano i loro drammi personali giocando nella Mecca di Coney Island. Come...

continue

  

Il Toro di Wall Street

(2014 - 30')

Genre: Arts & Culture & Biography & Human Interest
Synopsis: Immaginatevi la sorpresa che gli operatori di Wall Street, la mattina del 16 dicembre del 1989, provano recandosi in Borsa quando si trovano su un mar...

continue

  

Io sto con la sposa

(2014 - 98')

Genre: Adventure & Travels & Docu-fiction
Synopsis: Un poeta palestinese siriano e un giornalista italiano incontrano a Milano cinque palestinesi e siriani sbarcati a Lampedusa in fuga dalla guerra, e d...

continue

  

La Scuola d'estate

(2014 - 87')

Genre: Arts & Culture
Synopsis: Luca Ronconi ha scelto l’Umbria per creare uno spazio dove accogliere giovani attori e giovani attrici, e attivare un libero cortocircuito teatrale, s...

continue

  

A tempo debito

(2015 - 82')

Genre: Docu-Reality & Human Interest & Personal Viewpoint
Synopsis: Padua’s temporary jail is overcrowded. A small crew enters the jail to shoot a short film written and played by some detainees. After a real casting,...

continue

FILMS

SPERO BAR


Titolo inglese: SPERO BAR
Anno: 2015
Durata: 72'
Regista: Luca Di Prospero

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano inglese
Sottotitolo: inglese italiano
Genere: Docu-fiction & Docu-Reality
Tema: Culture locali - Lavoro - Migrazione
Paese di produzione: Italia

Nome: Luca
Cognome: Di Prospero
E-mail: lucadiprospero80@gmail.com

Sinossi:
Se per cervelli in fuga si intendono solo le menti particolarmente dotate, allora New York forse è il posto che fa per loro, ma anche un cervello normale ha un cuore, che ha bisogno di battere. Cosí New York è diventata la più grande città italiana degli Stati Uniti, l’approdo ideale di chi parte da un Paese ormai quasi privo di attrattive. Ma cosa succede a questi cervelli una volta arrivati al di là dell'Atlantico? Immediatamente ogni forma di pessimismo o di nichilismo svanisce e riesce loro fisicamente impossibile l'atto stesso del lamentarsi, iniziano, senza nemmeno volerlo a sperare. E se tutto fallisce gli rimane pur sempre la speranza, che è molto più di niente. Ma si danno da fare, e sono uniti, come e più di cento anni fa: si spalleggiano nella ricerca di occupazione, si prestano a fare lavori che in Italia non farebbero mai, si infilano in altri microcosmi italiani per procacciarsi nuovi indispensabili contatti, creano, insieme, un nuovo modo di essere italiani.