Vai direttamente ai contenuti della pagina

TRAILER

Loading...

VIDEO CORRELATI

  

Africa napoli: luoghi e colori dellinterazione

(2000 - 15')

Genre: Personal Viewpoint
Synopsis: attraverso interviste e ricordi si dispana la storia di immigrati africani, il cui arrivo e inserimento in una società diversa insieme alleloro...

continue

  

Noi, i Neri

(2017 - 90')

Genre: Docu-Reality & Human Interest
Synopsis: Il film mostra l’immigrazione da un’angolazione singolare, ossia non attraverso le immagini degli sbarchi, dei luoghi di detenzione temporanea, ma cog...

continue

  

Una scuola italiana

(2010 - 75')

Genre: Educational & Human Interest
Synopsis: In un’aula di una scuola d’infanzia è in corso un laboratorio teatrale. Le maestre raccontano il viaggio avventuroso di Dorothy nel magico mond...

continue

  

Il Colore delle Parole

( - 0')


continue

  

LAMPEDUSA IN WINTER

(2015 - 93')

Genre: Human Interest & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: È inverno. Lampedusa, «l’isola dei rifugiati», ha un’aria desolata. I turisti se ne sono andati e gli immigrati ancora rimasti lott...

continue

FILMS

Ab Urbe Coacta


Titolo inglese: Ab Urbe Coacta
Anno: 2016
Durata: 75'
Regista: Mauro Ruvolo
Autore: Mauro Ruvolo
Direttore della fotografia: Mauro Ruvolo
Montatore: Mauro Ruvolo
Musiche: Mauro Ruvolo

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Genere: Biography & Docu-Reality & Human Interest
Tema: Culture locali - Disagio psichico - Emarginazione sociale - Multiculturalità & Integrazione
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 19-11-2016

Nome: Cesare
Cognome: Fragnelli
Società: AltreStorie srl
E-mail: info@altrestorie.it

Sinossi:
In una Roma decaduta, dove la nevrosi dei tempi moderni si esprime attraverso un umorismo cinico e volgare, Mauro Bonanni, cresciuto in un’autodemolizioni nel quartiere periferico di Tor Pignattara, si affaccia alla vecchiaia con profondo disagio esistenziale. Soffre come tanti l’invasione di extracomunitari degli ultimi anni, ma il suo razzismo, di vita più che ideologico, greve nella sua espressione, si rivela in alcuni tratti contraddittorio: l’uomo è anche attratto dall'Africa, così fugge dalla “prigionia” capitolina partendo improvvisamente per Cotonou, dove anni addietro ha condiviso un viaggio con un dipendente beninese, e dove appare finalmente sereno, restituito alla sua umanità.


Note:
Il film è un One-man project, soggetto, riprese, montaggio e musiche sono a cura dell'autore: contrariamente a quanto si possa pensare non è stata una scelta egocentrica, né dettata dall’inconsapevolezza che il cinema necessiti della collaborazione di figure professionali specializzate, ma piuttosto suggerita dalla convinzione che una troupe, anche minima, avrebbe minato la dimensione confidenziale, e quindi la naturalezza di attori/non attori incredibilmente ricchi di vissuto ma evidentemente poco propensi all’ingombrante e lento macchinario delle produzioni convenzionali.


Festival:
34 Torino Film Festival - Italiana.doc