Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

VIDEO CORRELATI

  

The Lives of Mecca

(2016 - 54')

Genre: Human Interest
Synopsis: Ognuno di noi combatte tutti i giorni una dura battaglia. Gli handballers sublimano i loro drammi personali giocando nella Mecca di Coney Island. Come...

continue

  

FUORICAMPO

(2017 - 72')

Genre: Biography & Human Interest
Synopsis: La Liberi Nantes Football Club è una squadra di calcio composta da rifugiati e richiedenti asilo, che partecipa al campionato di terza categori...

continue

  

ULEVE

(2016 - 24')

Genre: Docu-Reality & Ethnography & Nature & Environment
Synopsis: La vita dei giovani di Luserna, paese simbolo della minoranza linguistica cimbra, viene ravvivata da un evento sportivo: il torneo di calcio "Eur...

continue

  

L' altra faccia della medaglia

(2016 - 54')

Genre: Docu-Reality & Lifestyle
Synopsis: L’atletica leggera italiana sta attraversando un momento di crisi. Negli ultimi Mondiali (2015) l’Italia non ha vinto nemmeno una medaglia e pochi mes...

continue

  

La Prima Meta

(2016 - 76')

Genre: Docu-Reality & Human Interest
Synopsis: Max, allenatore di rugby, seleziona tre giovani detenuti per la squadra multietnica Giallo Dozza del carcere di Bologna. Con allenamenti estenuanti ri...

continue

FILMS

Crazy for football


Titolo inglese: Crazy for football
Anno: 2016
Durata: 74'
Regista: Volfango De Biasi

Colore: Color
Formato: DIGITAL BETACAM
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Genere: Docu-Reality
Tema: Sport
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: in produzione

Nome: Raffaele
Cognome: Basile
E-mail: lelebasile@gmail.com

Sinossi:
Un gruppo di pazienti che arrivano dai dipartimenti di salute mentale di tutta Italia, uno psichiatra, Santo Rullo, come direttore sportivo, un ex giocatore di calcio a 5, Enrico Zanchini per allenatore e un campione del mondo di pugilato, Vincenzo Cantatore, a fare da preparatore atletico. Sono questi i protagonisti di Crazy for Football, il documentario di Volfango De Biasi sulla prima nazionale italiana di "calcetto" che concorre ai mondiali per pazienti psichiatrici a Osaka. Un viaggio dall’Italia al Giappone. Si comincia con le prove di selezione per definire la rosa dei 12 che poi parteciperanno al ritiro, approdando finalmente al torneo più ambito, i campionati mondiali. Ma a fare da filo conduttore un altro viaggio, più profondo, attraverso le rapide della coscienza di chi ha conosciuto lo smarrimento della malattia psichiatrica. Un percorso in bilico fra sanità e follia che appartiene a tutti noi. Un film dove i protagonisti sono i giocatori e non la loro malattia, con l’intenzione di combattere i pregiudizi che circondano chi soffre di disagio mentale. Il movimento come antidoto alla staticità, il calcio quindi come terapia salvifica, come condizione che fa sentire tutti uguali, lo dice bene Santo Rullo in una scena del film “un’esperienza che richiama alla mente la memoria emotiva di quando non si era malati”


Festival:
festa del film di roma 2016