Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

TRAILER

VIDEO CORRELATI

  

Mario Carbone, il fotografo con la macchina da presa

(2015 - 55')

Genre: Biography
Synopsis: Nel contesto della storia politica, sociale, culturale e artistica italiana dalla fine degli anni Cinquanta in poi, il documentario si sviluppa attra...

continue

  

Il Tarlo

(2016 - 22')

Genre: Biography
Synopsis: Il tarlo è un insetto che attacca e si nutre della polpa del legno, lo stesso termine nel gergo comune viene usato per indicare un pensiero per...

continue

  

Una voce in prestito

(2015 - 37')

Genre: Biography & Human Interest
Synopsis: Un viaggio attraverso le testimonianze di amici e colleghi alla scoperta di un attore e doppiatore che era soprattutto una persona generosa e sempre d...

continue

  

Non si può vivere senza una giacchetta lilla

(2016 - 49')

Genre: Biography
Synopsis: Questo documentario racconta la vita intensa e appassionata di Lidia Menapace, partigiana, senatrice della Repubblica Italiana, fondatrice del Manifes...

continue

  

Lo Spettatore

(2016 - 17')

Genre: Arts & Culture & Docu-fiction & Personal Viewpoint
Synopsis: In seguito a un’improvvisa amnesia cinematografica, un giovane spettatore va in cerca dei cinema della propria adolescenza. Inizia così il suo ...

continue

FILMS

Il museo chiude quando l'autore è stanco


Titolo inglese: The museum closes when the author is tired
Anno: 2013
Durata: 23'
Regista: Paolo Buatti
Montatore: Paolo Buatti
Musiche: Davide Luciani

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Sottotitolo: inglese
Genere: Arts & Culture & Biography & Human Interest
Tema: Pittura & Scultura
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 01-05-2013
Sito web: visita il sito

Nome: Paolo
Cognome: Buatti
E-mail: info@paolobuatti.it
Sito web: link al sito

Sinossi:
"Il museo chiude quando l'autore è stanco" è un documentario sull'artista romano Fausto Delle Chiaie. L'idea di questo cortometraggio nasce dal desiderio di indagare più a fondo le motivazioni e la filosofia della sua opera. Il suo Open Air Museum è un simbolo di apertura a vari livelli: dell’autore che si svela al mondo e della sua arte che si svela al pubblico. Inoltre è una galleria di “immagini” a cielo aperto che regala innumerevoli spunti di riflessione profonda in un contesto generalmente poco adatto a questo tipo di propositi: la strada. In questo documentario FDC si racconta da solo, a livello artistico e personale. Attraverso performances improvvisate nate da una materia prima che solo lui sa immaginare opera. Per mezzo di living sculptures, ispirate da uno spunto esterno e involontario, che possono comprendere la sua figura, quella dei visitatori e dei passanti. Ma anche ovviamente un percorso tra oggetti riciclati e frattaglie di materiali, in cui l’arte ironica e informale va oltre le apparenze, diventando critica sociale o esempio, paradosso o boutade. Delle Chiaie si è ritagliato il suo spazio nella Città Eterna ed offre ai passanti una visita a dir poco particolare. Un rapporto speciale con Roma di cui FDC racconta i suoi aspetti. Il rapporto di un artista con la sua “arte”.


Festival:
Selezionato per lo short film corner – Cannes 2013, Italian Contemporary Film Festival 2014 e Festival Internazionale del Cinema d’Arte 2014.