Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

TRAILER

VIDEO CORRELATI

  

TERRA E MEMORIA

(2015 - 50')

Genre: Docu-fiction & Docu-Reality & History
Synopsis: Viaggio nella "grande" Storia dei campi di concentramento in Polonia di Auschwitz-Birkenau e nella "piccola" storia dell'eccidio d...

continue

  

MEMORIE- In viaggio verso Auschwitz

(2014 - 76')

Genre: Adventure & Travels & Biography & History
Synopsis: Danilo Monte: “ Mio fratello è un grande appassionato di Storia, in particolare di seconda guerra mondiale. Da qualche anno parliamo poco, mai ...

continue

  

Auschwitz is my teacher

(2013 - 52')

Genre: Educational & Human Interest
Synopsis: For the first time young people from different countries, (Israel, Palestine, Germany, and the USA to name a few) led by an international group of pea...

continue

  

Auschwitz is my Teacher

(2012 - 52')

Genre: History & Human Interest
Synopsis: A novembre di quest’anno 18 ragazzi (israeliani, arabo palestinesi, tedeschi, polacchi, svizzeri, americani e due ragazzi di Trento, coinvolti gi&agra...

continue

  

La strada di Levi

(2006 - 92')

Genre: Biography & History & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Il 27 gennaio 1945, Primo Levi, autore dell’universalmente noto Se questo è un uomo, venne liberato dal campo di concentramento di Auschwitz. G...

continue

FILMS

SON MORTO CHE ERO BAMBINO. Francesco Guccini va ad Auschwitz


Titolo inglese: SON MORTO CHE ERO BAMBINO. Francesco Guccini va ad Auschwitz
Anno: 2017
Durata: 67'
Regista: Conversano Francesco & Nene Grignaffini
Autore: Francesco Conversano & Nene Grignaffini
Direttore della fotografia: Roberto Cimatti
Montatore: Stefano Barnaba
Musiche: Gianni Lenoci
Producer: Movie Movie SRL
Distribuzione: Movie Movie SRL

Colore: Color / B&W
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Genere: Educational & Human Interest
Tema: Diritti umani - Guerra & Conflitti
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 06-04-2017
Sito web: visita il sito

Nome: Nene
Cognome: Grignaffini
Società: Movie Movie
E-mail: info@moviemovie.it
Sito web: link al sito

Sinossi:
Nel 1966 viene pubblicata la canzone Auschwitz, di Francesco Guccini. Un brano che ha avuto il merito di riportare l’attenzione e lo sguardo sull’orrore dei campi di sterminio nazisti. Anche per questo, Auschwitz è diventata una canzone di culto per una intera generazione. Dopo 50 anni, e per la prima volta, Francesco Guccini va ad Auschwitz. Compie questo viaggio insieme al Vescovo di Bologna Mons. Matteo Maria Zuppi e alla classe 2°B della Scuola Media Salvo d’Acquisto di Gaggio Montano, sull’Appennino bolognese. Una molteplicità di sguardi e di generazioni che, messe di fronte alle tracce tangibili di quella barbarie, non possono che tornare a ripetere, insieme, due domande: “come è potuto accadere?”, “perché è accaduto?” Nel viaggio in treno e nella visita ai campi di Auschwitz e Birkenau emerge una comune convinzione: la necessità ineludibile di coltivare la memoria perché ciò che è accaduto non possa ripetersi e che la canzone Auschwitz “purtroppo dobbiamo cantarla ancora”.


Note:
La canzone Auschwitz di Francesco Guccini, pubblicata nel 1966, ha sicuramente avuto il merito di portare l’attenzione di molti sull’orrore dei campi di sterminio nazisti e da allora è diventata una canzone di culto per più di una generazione.
Ci siamo messi in gioco in prima persona nel voler fare questo viaggio in cui volevamo documentare le reazioni e i sentimenti di fronte all’orrore. Per questo ci siamo concentrati sugli sguardi. Captare dai volti gli effetti che ancora produce la vista dei luoghi che testimoniano dell’olocausto.
Quello che abbiamo visto filmando è che gli sguardi possono ancora essere una forma di resistenza. La prima forma di resistenza all’oblio comincia dallo sguardo.
Anche per questo abbiamo usato le immagini di repertorio con molto pudore. E tuttavia alcune situazioni andavano mostrate: la distruzione dell’umano andava suggerita e documentata. Speriamo di averlo fatto con discrezione. E nello stesso tempo con la forza che aiuta alcune immagini a non essere dimenticate. Perché in fondo è questo, solo questo che noi, oggi, possiamo continuare a fare.