Vai direttamente ai contenuti della pagina

TRAILER

VIDEO CORRELATI

  

Lino e Primo

(2017 - 87')

Genre: Arts & Culture & Docu-Reality & Ethnography
Synopsis: Lino Giovannardi e Primo Panzacchi fin da piccoli, dagli anni '40, suonano la fisarmonica. Attorno a loro tante storie: la guerra, le fisarmoniche nas...

continue

  

Bagnini & Bagnanti

(2017 - 72')

Genre: Docu-Reality & Ethnography & Lifestyle
Synopsis: Le avventure dei bagnini sciupafemmine dagli anni 60 ad oggi. Nel corso degli anni '60 e '70, le spiagge italiane erano affollate di giovani ragazz...

continue

  

E' “Pèn dé mond”

(2017 - 58')

Genre: Biography & Docu-Reality & History
Synopsis: É “Pèn dé mond” - Il Pane del mondo è una mia Romagna. Torno in Romagna per Dante, per un antico manoscritto di famiglia...

continue

  

La tribù de falàsch

(2019 - 45')

Genre: Ethnography & History & Nature & Environment
Synopsis: La foce di un fiume, le dune, il mare. Le Due Bocche, lembo di terra di Romagna disabitato fino ai primi del ‘900, inizia a popolarsi. Raccontano la s...

continue

  

DERIVA N. 3

(2014 - 14')

Genre: Nature & Environment
Synopsis: Il film è un viaggio fotografico nelle colline e nelle campagne romagnole, seguendo la rotta dei tralicci dell’alta tensione. L’impossibilit&ag...

continue

FILMS

Fugh int i scapàin

altre informazioni
contatti

Fugh int i scapàin


Titolo inglese: Fire in the shoes
Anno: 2017
Durata: 30'
Regista: Gianluca Marcon & Marco Landini
Autore: Gianluca Marcon
Direttore della fotografia: Landini Marco

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Genere: Docu-Reality
Tema: Ambiente - Amore & Relazioni - Culture locali - Musica & Danza - Natura & Paesaggi
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 27-05-2017
Sito web: visita il sito

Nome: Gianluca
Cognome: Marcon
E-mail: gianlucamarcon@libero.it
Sito web: link al sito

Sinossi:
Antonietta va in vacanza in Romagna da quando aveva 12 anni, perché la fabbrica dove lavorava suo padre, regalava a tutta la famiglia le “sabbiature” estive. Una mattina, alla fine degli anni sessanta Antonietta si presenta al Bagno Corrado, infila cento lire nel juke-box scegliendo una mazurca, un valzer e una polka, la moglie del proprietario del bagno scorge questa esile ragazzina ballare da sola, si avvicina, la cinge alla vita e iniziano a ballare freneticamente. Il giorno dopo si ripete la stessa scena, la musica si propaga veloce nell’aria e anche la notizia. Alcune persone, attirate dalla melodia si fermano a osservare, altre partecipano ai balli e così, tutte le mattine d’estate, dalle 06, 30 alle 08,00, il bagno Corrado si trasforma in una balera. I passanti incuriositi si fermano a osservare, qualcuno prova a danzare, quasi tutti sorridono, intanto il sole colora di rosso l’orizzonte del mare. C’è Guido che vive a Gatteo e ha imparato a ballare da quando è vedovo, Silvana che viene da Milano e si mantiene giovane con il movimento e poi Mario che abita su in collina e all’inizio diceva “ma quelli sono matti ad andare a ballare alle sei e mezza” e adesso è sempre il primo ad arrivare. L’ultimo tango scorre lento nella pista, sguardi, mani che si toccano, il sole nel frattempo si è alzato, il vociare dei turisti si agita pigro dagli alberghi, sono le 08.00 e un’altra giornata di vacanze è alle porte.