Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

LA VITA NON SA DI NOMI

(2018 - 44')

Genre: Arts & Culture & Human Interest
Synopsis: Il documentario racconta un progetto di teatro e salute mentale curato a Reggio Emilia da Festina Lente Teatro. Lo sguardo è quello surreale e ...

continue

  

L'educazione naturale. Il rito del pino di Grauno

(2010 - 64')

Genre: Ethnography & Nature & Environment
Synopsis: Il film racconta la pratica secolare del taglio, travestimento, addobbo e rogo del pino cimbro, che si svolge ogni anno a Grauno, in Trentino, in occa...

continue

  

Lou soun amis - Il suono amico

(2017 - 78')

Genre: Arts & Culture & Ethnography & Human Interest
Synopsis: Siamo nelle valli di Lanzo, tre vallate alpine a pochi km da Torino. Si è immersi nel mondo dell'oralità e della quotidianità, in...

continue

  

Crazy for football

(2016 - 74')

Genre: Docu-Reality
Synopsis: Un gruppo di pazienti che arrivano dai dipartimenti di salute mentale di tutta Italia, uno psichiatra, Santo Rullo, come direttore sportivo, un ex gio...

continue

  

The Lives of Mecca

(2016 - 54')

Genre: Human Interest
Synopsis: Ognuno di noi combatte tutti i giorni una dura battaglia. Gli handballers sublimano i loro drammi personali giocando nella Mecca di Coney Island. Come...

continue

FILMS

Andalas De Libertade


Titolo inglese: Andalas De Libertade
Anno: 2018
Durata: 58'
Regista: Filippo Biagianti
Montatore: Filippo Biagianti
Musiche: Binotti Lorenzo

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Sottotitolo: no
Genere: Docu-fiction & Docu-Reality & Human Interest
Tema: Disagio psichico - Emarginazione sociale - Salute e Benessere
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 20-03-2018

Nome: Filippo
Cognome: Biagianti
E-mail: filippo.biagianti@gmail.com

Sinossi:
“Sentieri di libertà” è un convegno biennale itinerante di montagna terapia. Nel 2016 sono state coinvolte oltre 400 persone, provenienti da tutta la Sardegna e da tutta Italia. Persone con disturbi psichiatrici, esperti di montagna, operatori della salute mentale, volontari e abitanti delle comunità ogliastrine che hanno ospitato l'iniziativa. Da questo cammino condiviso è nata la Libera Comunità Terapeutica, una comunità senza sede fisica che vive del sentire comune di chi sceglie di farne parte. Da pazienti si diventa guarenti, perché qui il curante è colui che si occupa della cura, senza dover per forza indossare un camice. La crescita personale deve fondare le sue radici nelle relazioni personali e sul senso comunitario. In questo modo si combatte il nemico più grande, la solitudine, la tremenda paura di venire abbandonati perché non compresi. L'esclusione sociale.