Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

TRAILER

VIDEO CORRELATI

  

Il Fascino dell'Impossibile

(2016 - 60')

Genre: Docu-Reality & Human Interest
Synopsis: Luigi Orazio Ferlauto ha fondato, e diretto dalla fine della guerra, attraversando ogni sorta di avversità per oltre 60 anni, l’Oasi struttura ...

continue

  

Dust - La vita che vorrei

(2015 - 20')

Genre: Biography & Human Interest
Synopsis: Dust è l’epopea di otto disabili fisici e psichici che vivono all’interno di un Istituto, il Cottolengo di Torino, da più di cinquant’an...

continue

  

1-3 2-4

(2017 - 32')

Genre: Docu-Reality
Synopsis: Il tempo scandito dal battere dei telai. Un tempo lento che costringe a fermarsi sulle azioni, sul pensiero. Un tempo alleato che permette di esprimer...

continue

  

Inseguendo i sogni

(2016 - 29')

Genre: Docu-fiction & Docu-Reality & Educational
Synopsis: Andrea Pellegrini, promettente campione italiano di lotta, nel giugno 1992 rientrava in caserma dopo una licenza quando alla stazione di Lapispoli vie...

continue

  

Voliamo Alto

(2018 - 72')

Genre: Biography & Docu-Reality & Human Interest
Synopsis: Marisa e Giancarlo sono marito e moglie. Problemi durante il parto hanno causato danni molto grandi al loro corpo, ma non alle loro vite. Con tenacia,...

continue

FILMS

Zulu Rema che ha imparato a volare


Titolo inglese: Zulu Rema has learned to fly
Anno: 2019
Durata: 15'
Regista: Gaia Vianello
Autore: Gaia Vianello
Direttore della fotografia: Luca Nervegna
Montatore: Luca Nervegna
Musiche: Forest Swords Zomra /
Producer: Giacomo Benini

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: arabo
Genere: Biography & Docu-Reality
Tema: Musica & Danza
Paese di produzione: Italia
Data Uscita: 15-06-2019

Nome: Gaia
Cognome: Vianello
E-mail: gaia_vianello@hotmail.it

Sinossi:
La storia di Emeer - aka B-boy Zulu Rema - adolescente tunisino a cui da bambino sono state amputate entrambe le gambe e della sua passione per l’arte e per la danza, che lo hanno portato a diventare campione nazionale di break dance e un modello per i giovani di tutto il mondo.


Note:
Ho conosciuto Emeer durante le ricerche per la produzione di un documentario sulla street- art in Tunisia, nel 2015.
Come sarebbe successo a chiunque avesse avuto modo di vederlo danzare ed ascoltare la sua storia, ne sono rimasta incantata, e tuttavia ho deciso di non inserirlo tra i personaggi del mio precedente lavoro.
Questo perché ritengo che la forza di Emeer, l’unicità del suo percorso, e la poesia concretizzata dell’arte come mezzo di emancipazione della persona umana, meritino un racconto a parte.
Perché nella sua storia si intrecciano diversi piani narrativi: una vita che parte in condizioni di svantaggio, ma che grazie alla forza di carattere e alla volontà, riesce non solo a risollevarsi, ma anche a distinguersi e ad eccellere; la potenza dell’arte come forza propulsiva unica, che riesce a trasformare all’estremo l’essere umano, ed infine l’amore genitoriale e filiale, che riescono a trasformare quello che inizialmente poteva solo configurarsi come un dramma, in un percorso di crescita e di sviluppo per entrambi.