Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

Fukushima: A Nuclear Story

(2015 - 84')

Genre: Docu-Reality & Investigation, Reportage & Current Affaires & Nature & Environment
Synopsis: Un viaggio lungo quattro anni nella duplice tragedia che ha colpito il Giappone nel marzo 2011, seguendo Pio d’Emilia, il giornalista italiano corrisp...

continue

  

Samosely - I sopravvissuti di Chernobyl

(2016 - 60')

Genre: Investigation, Reportage & Current Affaires & Nature & Environment
Synopsis: Dopo l'esplosione del reattore numero 4 della centrale nucleare di Chernobyl, circa 1500 tra uomini e donne si oppongono all'evacuazione imposta dalle...

continue

  

Là suta. La nostra eredità nucleare in un triangolo d'acqua.

(2014 - 68')

Genre: Nature & Environment
Synopsis: A Saluggia, piccolo comune agricolo a quaranta chilometri da Torino, sono sorti dalla fine degli anni Cinquanta un centro di ricerca nucleare, un reat...

continue

  

Living Toxic

(2014 - 52')

Genre: Adventure & Travels & Investigation, Reportage & Current Affaires & Nature & Environment
Synopsis: Un viaggio alla scoperta delle realtà più infernali del pianeta, dove anche solo respirare può essere letale. "Living Toxic&...

continue

  

Brasimone

(2014 - 45')

Genre: History & Human Interest & Nature & Environment
Synopsis: Come si narra nelle antiche leggende c'è sempre un mostro ad agitare le acque di un lago. Chi lo considera una minaccia lo tiene a distanza, ch...

continue

FILMS

SAMOSELY - i residenti illegali di Chernobyl

altre informazioni
contatti

SAMOSELY - i residenti illegali di Chernobyl


Titolo inglese: SAMOSELY - illegal residents of Chernobyl
Anno: 2017
Durata: 58'
Regista: Fabrizio Bancale

Colore: Color
Formato: HD
Lingua originale: italiano
Genere: Docu-Reality
Tema: Ambiente - Emarginazione sociale - Storia contemporanea
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 01-07-2017

Nome: fabrizio
Cognome: bancale
E-mail: bancale.fabrizio@gmail.com

Sinossi:
26 aprile 1986, ore 1.23. Ucraina settentrionale. 18 km dalla città di Černobyl'. Durante un “esperimento” nella centrale nucleare V.I. Lenin, esplode il reattore n. 4. Il reattore dell’apocalisse. E’ il più grave disastro nucleare mai verificatosi. A una settimana dall’esplosione, le autorità sovietiche decidono di evacuare tutta la popolazione dell'area circostante Černobyl', nel raggio di 30 km dall'impianto. E’ “La zona di interdizione”: vengono completamente svuotati 188 centri abitati (molti rasi al suolo); e circa 336.000 persone allontanate dalle loro abitazioni. In fretta e furia, con i loro pochi effetti personali, salgono sui 1.200 autobus dell’azienda di trasporto pubblico di Kiev, diretti verso destinazioni sconosciute: famiglie separate, divise e assegnate in alloggi anche a centinaia di chilometri di distanza. Non torneranno mai più nelle loro case! Alcuni uomini e donne (un numero certamente molto ristretto, su cui però non esistono dati ufficiali), però, si oppongono a quella che loro vivono come una deportazione forzata. Rivendicano il diritto di morire nella loro Madreterra, nelle loro abitazioni. E così, sfidando il freddo, le disposizioni governative e le radiazioni, questi disperati, eroici, nostalgici contadini, di notte, tornano nelle loro case, tolgono le spranghe dalle porte, e si impossessano nuovamente dei loro pochi beni. Sono i Samosely, i residenti illegali di Černobyl'.


Festival:
Presentato al PESARO DOC FESTIVAL

Miglior Documentario al SOCIAL WORLD FILM FESTIVAL 2017