Vai direttamente ai contenuti della pagina

TRAILER

Loading...

VIDEO CORRELATI

  

Lo Sbarco

(2012 - 65')

Genre: Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Dei cittadini italiani residenti a Barcellona seguono con allarme le notizie provenienti dall’Italia: razzismo, corruzione, potere mafioso.. Il tess...

continue

  

Nessun fuoco nessun luogo

(2015 - 75')

Genre: Docu-Reality & Human Interest
Synopsis: "Nella consuetudine di una città che vive una delle sue solite giornate, si snodano le vite di otto persone. Vite di strada, vite lente. ...

continue

  

Magna Graecia / Europa Impari

(2015 - 77')

Genre: Educational & Human Interest & Personal Viewpoint
Synopsis: MAGNA GRAECIA / EUROPA IMPARI è un ritratto del sud Europa in tempi di recessione economica, culturale e sociale. La Calabria, cosiddetta "...

continue

  

Man on the river

(2015 - 110')

Genre: Adventure & Travels & Arts & Culture & Biography
Synopsis: Una storia lunga 5.200 km: da Londra a Istanbul sui fiumi dell'Europa in una barca a remi e a vela. Il protagonista è Giacomo De Stefano, un uo...

continue

  

LocalEuropa, Musica valida per l'espatrio

(2015 - 85')

Genre: Adventure & Travels & Arts & Culture & Docu-Reality
Synopsis: Novemila chilometri a bordo di un pulmino rosso, in compagnia di tre artisti d'eccezione: Niccolò Fabi, Daniele Silvestri e Max Gazzè. U...

continue

FILMS

Abril


Titolo inglese: April
Anno: 2020
Durata: 1'
Regista: Bougleux Alberto

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: spagnolo, catalano
Sottotitolo: inglese
Genere: Ethnography & Personal Viewpoint
Tema: Culture locali - Emarginazione sociale - Fotografia - On the road - Storia contemporanea
Paese di produzione: Spagna
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 29-05-2020
Sito web: visita il sito

Nome: Alberto
Cognome: Bougleux
E-mail: alberto.bougleux@gmail.com
Sito web: link al sito

Sinossi:
Nelle Città invisibili, un immaginario Marco Polo racconta al gran Khan le meraviglie delle città del suo impero. Di Ipazia, Marco narra la sovversione di tutti i codici che orientano il viaggiatore: lì, il palazzo del sultano è la casa degli schiavi, il saggio trascorre le giornate nel giardino dei giochi infantili, e chi desidera partire sa che non deve scendere al porto “ma salire sul pinnacolo più alto della rocca e aspettare che una nave passi di lassù”. Così, in pieno confinamento, a Barcellona è possibile pedalare per chilometri senza mani nel mezzo nei grandi viali, respirare il vuoto dei mercati, dare un concerto dal balcone per un pubblico inesistente, e vedere come la strada è in realtà il regno di chi non ha possibilità di salvarsi. Come a Ipazia, ogni istante della città confinata richiede una nuova chiave per comprendere il tempo e lo spazio. E lascia la sensazione del viaggiatore che inutilmente cerca di raggiungere Zora, la città che “obbligata a restare immobile e uguale a se stessa per essere meglio ricordata, languí, si disfece e scomparve”. (Italo Calvino).