Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

TRAILER

Loading...

VIDEO CORRELATI

  

Invisibili

(2016 - 28')

Genre: Docu-Reality
Synopsis: «Sono un bambino, ho paura». Abdul, sedici anni, s’accende una sigaretta mentre stringe a sé due sacchetti di plastica blu. Con lu...

continue

  

The black sheep

(2016 - 72')

Genre: Human Interest
Synopsis: Libia 2014. Ausman ha combattuto per la rivoluzione, convinto che senza Gheddafi il suo paese potesse diventare libero e democratico. A tre anni dalla...

continue

  

Elements of Rehearsal in the Bleak Midwinter

(2015 - 15')

Genre: Arts & Culture
Synopsis: Una summa minimalista dell'arte teatrale: soglia, spazio, voce, corpo, follia e crisi. Nel bel mezzo di un gelido inverno, un giovane gruppo di attori...

continue

  

Aicha è tornata

(2011 - 35')

Genre: Docu-Reality
Synopsis: Il documentario racconta le migrazioni di ritorno nelle province di Khouribga,Beni Mellal e Fkih Ben Salah, principali bacini d’emigrazione dal Marocc...

continue

  

Too much stress from my heart

(2015 - 60')

Genre: Educational & Human Interest & Kids
Synopsis: Due sono le sfaccettature del deserto del Sahara: la bellezza delle dune che raccontano un paesaggio e culture antiche e bellissime, ci trasmettono u...

continue

FILMS

La trasferta


Titolo inglese: The away match
Anno: 2017
Durata: 22'
Regista: Marta Innocenti
Autore: Marta Innocenti
Direttore della fotografia: Marta Innocenti
Montatore: Marta Innocenti
Musiche: Fat Cosmoe

Colore: Color
Formato: HDV
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano, inglese, francese
Sottotitolo: italiano
Genere: Docu-Reality & Ethnography & Investigation, Reportage & Current Affaires
Tema: Diritti umani - Migrazione - Multiculturalità & Integrazione
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 21-04-2017

Nome: Marta
Cognome: Innocenti
E-mail: innocentimartamail@gmail.com

Sinossi:
I pensieri, le paure, i punti di vista di un gruppo di migranti che attualmente vivono in Italia. Ibraim, protagonista del documentario, ci accompagnerà - attraverso lo svolgersi di una giornata - alla scoperta di diversi racconti. Il documentario vuole indagare i nostri nuovi vicini di casa non come fenomeno sociale, ma come esseri umani: spiegare come tutti noi, nel profondo delle nostre angosce, siamo uguali. “La Trasferta”, titolo che ricorda un doppio significato del termine, quello calcistico del gioco e quello simbolico della traslazione nel diverso e nuovo paese.


Note:
L'atto di filmare è per me smarrimento. Provo sgomento nell'avvicinarmi ai miei personaggi, tanto che nella prima fase di riprese molto spesso non riesco neanche a tirare fuori la cinepresa. Non per insicurezza, ma per rispetto. Rispetto per chi ancora non conosci, per coloro che andrai ad indagare nel profondo. Non puoi entrare nell'intimo di una persona senza il suo permesso. Cerco di creare sempre un non-set, ovvero un posto dove l'occhio della camera non è invasivo, ma segue, si accosta, osserva senza farsi vedere dalle persone. Filmare è amore per la vita, ma è anche dolore.