Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

Su Gologone: dove la terra si spacca

(2012 - 40')

Genre: Adventure & Travels & Nature & Environment & Science & Technology
Synopsis: Nel cuore della Sardegna più antica sgorga la risorgenza di "Su Gologone", uno dei più importanti fenomeni idrografici italian...

continue

  

Supramonte

(2013 - 34')

Genre: Adventure & Travels & Lifestyle & Nature & Environment
Synopsis: Il Supramonte è un altopiano calcareo situato nella Sardegna centro orientale, incontaminato e selvaggio è patrimonio naturalistico dell...

continue

  

Naica, i Segreti della Grotta di Cristalli

(2009 - 52')

Genre: Science & Technology
Synopsis: Una scoperta straordinaria ha colto di sorpresa la comunità scientifica internazionale: la grotta di Naica piena di cristalli giganti, alti pi&...

continue

FILMS

Su Gologone: dove la terra si spacca


Titolo inglese: Su Gologone: where the earth break
Anno: 2012
Durata: 45'
Regista: Massimo D'alessandro

Colore: Color
Formato: HD
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Genere: Adventure & Travels & History & Nature & Environment
Tema: Ambiente - Esplorazione
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 01-01-2012
Sito web: visita il sito

Nome: Massimo
Cognome: D'Alessandro
E-mail: massimo@assonet.org
Sito web: link al sito

Sinossi:
Nel cuore della Sardegna più antica sgorga la risorgenza di "Su Gologone", uno dei più importanti fenomeni idrografici italiani, ben conosciuta dagli esploratori speleosubacquei di tutto il mondo. Ottima accessibilità e trasparenza delle acque hanno da sempre attirato esperti d'immersione in grotta alla ricerca di nuove diramazioni e prosecuzioni in un ambiente ancora oggi non completamente esplorato. Dopo ben 13 anni dall'ultima spedizione dello speleosub Olivier Isler, che nel 1997 fu costretto a fermarsi di fronte ad una stretta spaccatura alla profondità di 107 metri, la Scuola Nazionale di Speleologia Subacquea della Società Speleologica Italiana e l'Associazione ASSO di Roma con il supporto della Federazione Speleologica Sarda, nel 2009 hanno costituito un team operativo per consentire ad Alberto Cavedon, uno dei più esperti speleosubacquei altofondalisti italiani, di tentare il superamento del limite precedente. Tre spedizioni, 15 persone tra speleosub e tecnici di supporto, una troupe video e fotografica al seguito, ore e ore di immersioni per trovare una nuova via e completare il rilievo topografico. Un gruppo di specialisti affiatati, successi, imprevisti, incidenti e delusioni. Un'avventura intensa e un notevole risultato esplorativo.