Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

VIDEO CORRELATI

  

Quello che resta

(2014 - 50')

Genre: Human Interest
Synopsis: A vent’anni da uno dei giorni drammaticamente più simbolici dei conflitti nei Balcani, la distruzione del Ponte Vecchio della città, e a...

continue

  

DERT

(2016 - 62')

Genre: Human Interest & Nature & Environment
Synopsis: A vent’anni esatti dai tragici avvenimenti che hanno sconvolto la Bosnia, DERT si muove nei luoghi della memoria di un paese segnato dalla guerra ma n...

continue

  

Sono stato Dio in Bosnia. Vita di un Mercenario.

(2010 - 80')

Genre: Biography
Synopsis: La vita di Roberto Delle Fave, mercenario nelle guerre balcaniche, oggi satanista convinto e domatore di serpenti. ...

continue

  

Radici. L'altra faccia delle migrazioni (I serie)

(2011 - 52' x 4)

Genre: Adventure & Travels & Arts & Culture & Ethnography
Synopsis: "Radici" è una serie tra lo spettacolo e il documentario sociale. E' un viaggio alle radici di una persona, della sua cultura, del su...

continue

  

Il nemico - un breviario partigiano

(2015 - 80')

Genre: Arts & Culture & Biography & History
Synopsis: Massimo Zamboni, chitarrista e co-fondatore dei CSI, a quindici anni dallo scioglimento della storica band post-punk italiana vorrebbe riunire i membr...

continue

FILMS

Il tuffo della rondine


Titolo inglese: Il tuffo della rondine
Anno: 2008
Durata: 46'
Regista: Stefano Savona
Direttore della fotografia: Stefano Savona
Montatore: Marzia Mete
Musiche: Massimo Zamboni
Società di produzione: Castagneda & Pulsemedia & Vivo film

Colore: Color
Lingua originale: italiano
Genere: Arts & Culture & Human Interest
Tema: Guerra & Conflitti - Musica & Danza
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 01-01-2008


Sinossi:
"Il Tuffo della Rondine" è il racconto del concerto di Massimo Zamboni e della sua band a Mostar in Bosnia. Nell’ambito del suo ultimo ambizioso progetto L’INERME È L’IMBATTIBILE (un disco, un libro e un film editi con Il Manifesto), Massimo Zamboni ha firmato l’idea di un documentario che ha affidato alla regia di Stefano Savona. Un’indagine sottile sul valore e sulla forza di quella che nel suo progetto il musicista ha chiamato la condizione di ‘inermità’


Note:
«Tornare a Mostar, in Bosnia, dieci anni dopo un primo viaggio a ridosso della guerra compiuto assieme al gruppo CSI. Tornare per sentire raccontare da alcune persone incontrate allora come sia maturata la loro vita, determinata dalla impossibilità, per scelta o per costrizione, di poter imbracciare le armi al tempo del conflitto; dalla frattura tra i richiami delle appartenenze e l’unicità di ogni singolo uomo. Tornare con occhi di padre, e non con occhi di figlio, per indagare le ragioni e la forza dell’inermità.» (Massimo Zamboni)