Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

TRAILER

VIDEO CORRELATI

  

A PIEDI NUDI

(2015 - 52')

Genre: History & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Nell'ottobre 2014 la capitale del Burkina Faso Ouagadougou è il teatro di manifestazioni di massa contro il presidente del Paese, Blaise Compao...

continue

  

Industry Hotel

(2011 - 145' x 6)

Genre: Human Interest
Synopsis: Nella zona industriale di Nairobi (dove recentemente purtroppo c’è stato il grande incendio che ha causato 118 morti carbonizzati), in una bara...

continue

  

Cuore Eritrea

(2011 - 61')

Genre: Human Interest & Kids
Synopsis: In una società basata ormai sull’ individualismo, ci sono ancora persone che credono e operano affinchè parole come rispetto e dignit&ag...

continue

  

Daimon

(2016 - 90')

Genre: Biography & Kids & Personal Viewpoint
Synopsis: Daimon è un film sulla maternità che racconta di quattro donne e del rapporto con i loro figli. Si va dalla gravidanza di Lucy ai primi ...

continue

  

Shashamane

(2016 - 80')

Genre: Docu-Reality & Ethnography & Human Interest
Synopsis: “Ci hanno chiamati negracci, e da negracci siamo diventati negri, e da negri siamo diventati neri, e da neri siamo diventati afro-americani. Perch&e...

continue

FILMS

Solo andata - Il viaggio di un Tuareg


Titolo inglese: One way - A Tuareg journey
Anno: 2010
Durata: 52'
Regista: Fabio Caramaschi
Autore: Fabio Caramaschi
Direttore della fotografia: Fabio Caramaschi
Montatore: Silvia Caracciolo
Musiche: Riccardo Cimino

Colore: Color / B&W
Formato: DIGITAL BETACAM
Ratio: 16:9
Lingua originale: italian, tamasheq
Sottotitolo: english
Genere: Human Interest & Kids & Personal Viewpoint
Tema: Infanzia & Adolescenza - Migrazione - Multiculturalità & Integrazione - Popoli & tradizioni
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 15-11-2010
Sito web: visita il sito

Nome: Fabio
Cognome: Caramaschi
E-mail: caramaschi.fabio@gmail.com
Sito web: link al sito

Sinossi:
Sidi è un giovane Tuareg, emigrato assieme alla sua famiglia dal Sahara Nigerino a Pordenone, nel cuore del nord-est industriale italiano. Quando la famiglia è partita per l'Italia, sono stati costretti dalle leggi sul ricongiungimento a lasciare in Niger il figlio più piccolo, che sta crescendo con il nonno e gli ultimi custodi della tradizione, mentre il fratello Sidi diventa ogni giorno più italiano. Dopo avere vissuto metà della sua vita in Africa e metà in Italia, l''identità adolescente di Sidi è oggi divisa fra il desiderio di integrarsi nella nuova realtà italiana e la nostalgia degli immensi spazi e della vita semplice e libera dell’infanzia africana ormai lontana. Per affrontare i suoi dubbi e le sue paure, è Sidi stesso ad impugnare la telecamera per scoprire il nostro mondo e contemporaneamente rivelarci il suo. L’ “inchiesta” di Sidi raggiunge un fondamentale punto di svolta quando il padre riesce a vincere la sua lunga battaglia contro la burocrazia italiana e ottiene finalmente i documenti per fare venire in Italia anche il figlio più piccolo, Alkassoum. Mentre il nonno e quelli che non hanno mai abbandonato il loro deserto lo percorrono ancora una volta in carovana, i due fratelli in Italia affrontano uniti una non facile integrazione in un mondo dove sembrano essere necessari, ma non sempre voluti.


Note:
Ho incontrato i protagonisti di questa storia quasi dieci anni fa in Niger e il rapporto di
amicizia e di fiducia reciproca che si è instaurato tra noi è l’elemento fondamentale che ha permesso la realizzazione di questo lungo e complesso progetto documentario. Grazie ad un paziente lavoro di avvicinamento, la mia telecamera è diventata per i Tuareg di Solo andata e in particolare per i giovani protagonisti Sidi ed Alkassoum,
non solo un compagno di viaggio cui rivelare confidenze e desideri, ma anche un utile alleato in un difficile percorso di comprensione e di riaffermazione della propria
identità culturale.
Il fatto che sia lo stesso Sidi a filmare parte delle immagini e delle interviste mi ha permesso di offrire a lui la possibilità di esprimersi e auto-rappresentarsi e al tempo
stesso di fornire allo spettatore un punto di vista interno alla vicenda narrata in cui identificarsi.


Festival:
Opere Nuove, Bolzano, 2011, Miglior documentario
Duisburg Filmwoche 10. doxs!, 2011, Miglior documentario
Beirut International Film Festival, 2011, in competizione
Sole Luna Festival, 2011, Premio speciale della giuria
19° Arcipelago Film Festival, 2011, Roma, Miglior documentario
18° New York African Film festival, NY, 2011
GoShort, Niejmegen, 2011, Premio del pubblico
17° Libero Bizzarri, 2010, Miglior Soggetto
Idfa, Amsterdam, 2010, in competizione
Hai visto mai, Siena 2007, Miglior trattamento