Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

VIDEO CORRELATI

  

RESIDENCE ROMA

(2001 - 45')

Genre: Human Interest & Investigation, Reportage & Current Affaires & Kids
Synopsis: Il documentario racconta la vita, la storia familiare e sociale di alcuni degli abitanti di un complesso di cinque palazzine alla periferia di Roma, ...

continue

  

Romeo e Giulietta

(2015 - 57')

Genre: Docu-Reality & Educational
Synopsis: Nino e Mary hanno sedici anni e vivono a Roma, nel campo nomadi di Tor de Cenci. Questa è la storia del tentativo di mettere in scena Romeo e...

continue

  

Alisya nel paese delle meraviglie

(2010 - 40')

Genre: Biography & Investigation, Reportage & Current Affaires & Lifestyle
Synopsis: A Cinquina, periferia di Roma, vive una comunità del tutto simile alle banlieues parigine. Le storie e gli sguardi dei ragazzi del quartiere ci...

continue

  

Giuseppe Verdi e la Gloria - Il Monumento del Centenario

(2015 - 65')

Genre: Biography & Docu-Reality & History
Synopsis: Il 2013 è stato l’anno del bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi e attraverso un’ accurata ricostruzione storica, il documentario riperc...

continue

  

Zero a zero

(2012 - 63')

Genre: Biography & Human Interest & Kids
Synopsis: Daniele, Marco e Andrea sono nati nel 1977. Hanno vite diverse ma un passato comune nelle squadre giovanili della AS Roma Calcio. Giocavano con Tott...

continue

FILMS

DIETRO PALLA O DIETRO PORTA


Titolo inglese: DOING EXTRA TIME
Anno: 2005
Durata: 52'
Regista: Fabio Caramaschi
Direttore della fotografia: Fabio Caramaschi
Montatore: Paolo Petrucci
Musiche: Daniele Cestana
Società di produzione: Palomar SpA

Colore: Color
Formato: DIGITAL BETACAM
Ratio: 16:9
Lingua originale: italian
Sottotitolo: english
Genere: Biography & Human Interest & Kids
Tema: Emarginazione sociale - Infanzia & Adolescenza
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Sito web: visita il sito


Sinossi:
La nostra storia racconta l’avventura calcistica, ma soprattutto umana degli allievi della classe millenovecentottantasette di una piccola società sportiva alle porte di Roma. Qualcuno è accompagnato dai genitori, altri li va a prendere il “mister” con lo sgangherato furgone dela ditta per cui lavora, altri ancora attraversano la città in autobus per riunirsi in quello strano organismo collettivo che é una squadra di calcio. Fra i colpi attutiti sul cuoio e il rumore dei tiri sui pali, rimbomba la voce roca dell’allenatore che li ha messi assieme e che vuole vincere assieme a loro una partita che lui non ha saputo giocare. È Claudio Maccarelli, una volta noto nella malavita romana come “Schizzo”, un ex rapinatore di banche con molti anni di carcere e un difficile percorso di recupero alle spalle. Claudio ha riunito da diversi mesi una squadra di sedici-diciassettenni, provenienti da ogni parte della città, che allena nel campo della società sportiva “Torre in pietra”e con loro sta disperatamente cercando di risalire dall’ultimo posto in classifica del campionato allievi regionali. È una passione furiosa per la vita e per il calcio giocato, lontano dai miliardi e dai miti, che unisce ognuno tra loro e, ovviamente, ognuno col “mister”. Nello sforzo di imparare a passare quel pallone prezioso, di capire il proprio ruolo e quello dei compagni, di dare e meritare fiducia, i ragazzi simulano in campo l’inquietante e traumatico mondo dell’età adulta.


Note:
“Nella vittoria gli Italiani sono sempre un po’ offensivi, un po’ arroganti, vanno oltre:
è nella sconfitta che, rare volte, sanno essere grandi”
Ennio Flaiano, L’Europeo, 1970

“Dietro palla o dietro porta”, l’avvertimento che accompagna il fatidico momento del rigore nelle partite dei campetti polverosi e degli oratori, cerca di raccontare, nell’intreccio delle emozioni legate allo scendere in campo, il modo di essere e di pensare di una generazione, quella degli adolescenti, la cui voce si arriva a sentire molto di rado nel cinema e nella televisione italiana.
Ma é soprattuttto il tempo supplementare di Claudio, che nel corso dei novanta regolamentari ha sostanzialmente pareggiato la sua partita con la società e che ora per la prima volta, a cinquant’anni, è riuscito a costruire con la materia del suo sogno qualcosa di reale.


Festival:
Premio “Kodak” per la Miglior Fotografia, festival del documentario Libero Bizzarri, 2005
Premio “Cinemavvenire” per il Miglior film, VIII Genova Film Festival, 2005