Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

L'ULTIMO UOMO CHE DIPINSE IL CINEMA

(2020 - 90')

Genre: Arts & Culture & Biography
Synopsis: Un viaggio emozionante nel mondo di Renato Casaro, uno dei più importanti illustratori ancora viventi che l'industria del manifesto cinematogra...

continue

  

Trento Longaretti IL CONCERTO

(2016 - 58')

Genre: Arts & Culture & Docu-fiction
Synopsis: Per festeggiare il suo 100-esimo compleanno l'artista Trento Longaretti decide di organizzare un grande concerto a cui invita un gallerista, uno stor...

continue

  

I come Isgrò

(2015 - 50')

Genre: Arts & Culture & Biography & Educational
Synopsis: Emilio Isgrò è una delle figure più attive nel panorama artistico e d'avanguardia in Italia dagli anni '60 ad oggi. Siciliano di ...

continue

  

In restauro

(2000 - 40')

Genre: Arts & Culture
Synopsis: il documentario racconta l'opificio delle pietre dure di firenze, il secondo laboratorio di restauro più importante d'italia, come se si tratta...

continue

FILMS

Roma


Titolo inglese: Roma
Anno: 2010
Durata: 52'
Regista: Theo Eshetu
Musiche: Alvin Curran

Colore: Color
Formato: DIGITAL BETACAM
Ratio: 16:9
Lingua originale: musical
Genere: Adventure & Travels & Arts & Culture & Personal Viewpoint
Tema: Cinema & Teatro - Culture locali - Musica & Danza - Pittura & Scultura - Poesia & Scrittura
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto

Nome: Theo
Cognome: Eshetu
Società: White Light
E-mail: whitelight@mclink.it

Sinossi:
Nella sua autobiografia C.G. Jung racconta che non ha mai voluto visitare Roma per il timore dell’effetto che la città avrebbe potuto avere sulla sua coscienza. Cos’è che lo spaventava cosi tanto? Non si può affermare nulla su Roma, senza che l’opposto non sia altrettanto valido. E’ la coesistenza di tendenze contraddittorie che maggiormente definiscono il carattere inafferrabile della città. Roma si può comprendere solo attraverso l’occhio dell’immaginazione. Il film e un percorso non-narrativo dello sguardo meravigliato dello straniero. sguardo, dell’outsider accecato dalla luce. La colonna sonora, composta a Alvin Curran utilizzando molteplici registrazioni raccolte in giro per le strade romane, accompagna questa esperienza visiva riportandoci alla dimensione più verace di Roma. Una visione della città in cui dialogano il sacro con il profano. Il volgare e il poetico, l’eterno e l’effimero per mostrarci una città piena di fantasmi e memorie inafferrabili.


Note:
Il filmato e un collage di immagini che ho raccolto nel corso di un decennio e la stessa
cosa vale per il lavoro di Alvin Curran che ha composto la colonna sonora con
frammenti e suoni registrati a Roma nel corso degli anni.
Con tutta la cultura che si ritrova, Roma è sorprendentemente vuota, ha un vuoto
chiassoso, sottomessa dalla sua stessa storia.

Il film va visto come una lunga soggettiva dell' impatto della città sullo stato mentale di uno
straniero. Non ci mostra la realtà delle borgate o la vita dei quartieri, ma inizia là dove la
confusione della città comincia ad agire sulla psiche del visitatore, dove l'aspetto
monumentale crea delle illusioni.


Festival:
Festival Internazionale del film di Roma
Casa del Cinema, nella sezione L’altro Cinema/ Extra
1° Novembre 2010

Roma3 FilmTeatroFest '011
Teatro Palladium 7ª edizione
12 giugno 2011