Vai direttamente ai contenuti della pagina

TRAILER

VIDEO CORRELATI

  

Ho fatto il mio coraggio

(2009 - 50')

Genre: Ethnography & Human Interest
Synopsis: Si narra di storie d'amore, matrimoni tristi e felici, fidanzamenti, incontri per foto, procura e posta tra gli Italiani di Montréal e gli Ital...

continue

  

Giuseppe Filosa. Un maestro di bottega nel XXI secolo

(2014 - 16')

Genre: Arts & Culture & Biography & History
Synopsis: Giuseppe Filosa è nato nel 1937 a Montalto Uffugo (Cs) e da quarant’anni vive e opera nel centro storico di Cosenza, nella sua bottega d’arte –...

continue

  

Heartquake

(2010 - 52')

Genre: Human Interest & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Shpresa è Kosovara, ha 26 anni e 5 figli, per la prima volta sta lasciando il suo paese. Shpetim, il minore dei figli, ha un grave problema ...

continue

  

Japigia gagi storie di rom

(2003 - 59')

Genre: Ethnography & Human Interest
Synopsis: il campo dei rom è abuso, fatto di baracche di legno, è circondato dagli alti ed enormi palazzi della periferia: il rione japigia. per m...

continue

  

Skyline - Architects for Milan

(2015 - 30' x 6)

Genre: Arts & Culture
Synopsis: “Skyline. Architects for Milan” presents 6 informative monographs looking at the word’s masters of architecture. After having changed the Skyline of m...

continue

FILMS

1960


Titolo inglese: 1960
Anno: 2010
Durata: 75'
Regista: Gabriele Salvatores
Autore: Gabriele Salvatores & Michele Astori & Massimo Fiocchi
Montatore: Massimo Fiocchi & Chiara Vullo
Musiche: Federico De Robertis
Società di produzione: Mario Gianani & Off Side & Rai Cinema

Colore: Color
Formato: BETACAM SP
Lingua originale: italiano
Genere: History
Tema: Lavoro - Migrazione - Popoli & tradizioni
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 10-11-2010
Sito web: visita il sito

Nome: .
Cognome: .
E-mail: info@offsidefilm.it

Sinossi:
Estate 1959. La voce di un adulto rievoca quei giorni quando era solo un bambino del sud. Il ricordo è ancora vivo nella sua memoria: è stata l’ultima estate che ha trascorso con il fratello Rosario prima che partisse per il nord. Dopo a tenere uniti i due fratelli sono le lettere che Rosario manda da Milano. Racconta della nuova vita, della libertà conquistata, degli amici, scrive di un mondo magico dove ognuno ottiene ciò che desidera. Ma sono quelle stesse lettere a mettere in allarme la famiglia: Rosario è cambiato, ha perfino dimenticato la promessa di matrimonio fatta a Rosalba, la ragazza del paese d’origine. Bisogna fare qualcosa e la famiglia parte per riportare il figlio a casa. Un lungo viaggio che li porterà ad attraversare l’Italia e scoprire un paese che sta cambiando trascinato dal boom. Il viaggio si trasforma in una specie di sogno scandito dalle meraviglie di Napoli, Roma e Rimini. Ma la meta finale resta sempre l’incontro con Rosario che non si fa trovare. A Milano di lui non c’è traccia. E nella capitale del miracolo economico, scoprono la verità: Rosario fa l’operaio, lavora al traforo del Monte Bianco ed è un emigrato come tanti altri. Le sue lettere false le aveva scritte al fratello più piccolo per nascondergli la durezza della vita quotidiana ed il dramma dell’emigrazione. Ma quelle bugie hanno permesso al protagonista di vivere l’anno più bello della sua vita, facendogli capire che le persone hanno il diritto di poter credere ai propri sogni.


Note:
Usando esclusivamente immagini di repertorio delle Teche Rai, abbiamo provato a costruire una storia inventata con le immagini reali dei documentari, delle inchieste e della televisione.
Abbiamo scelto di raccontare il 1960 attraverso lo sguardo di un bambino originario del sud Italia. La ricerca del fratello maggiore, partito per il nord in cerca di fortuna nell'anno del cosidetto "boom economico" italiano, diventa la linea narrativa che ci conduce alla scoperta degli avvenimenti, dei sogni, delle illusioni di quell'anno di soli 50 anni fa. Più che un documentario sembra un film fatto di ricordi e di sogni.
Vorremmo ringraziare i giornalisti e gli operatori cinematografici che, con macchina da presa e pellicola, ci hanno fornito inconsapevolmente le loro immagini..A cui abbiamo cercato di dare nuova vita e nuovi significati. Immagini per altro bellissime, piene di attenzione, di originalità di sguardo e di rispetto.


Festival:
FIPA - INTERNATIONAL FESTIVAL OF BIARRITZ 2011: European Production
LINCOLN CENTER - OPEN ROADS 2011
LA BIENNALE DI VENEZIA 2010: Out of Competition
MADRID ITALIAN FILM FESTIVAL 2010: Documentaries