Vai direttamente ai contenuti della pagina

TRAILER

Loading...

VIDEO CORRELATI

  

E' stato morto un ragazzo

(2010 - 94')

Genre: Docu-fiction
Synopsis: Federico Aldrovandi ha da poco compiuto diciotto anni quando, all’alba del 25 settembre 2005, incontra una pattuglia della polizia nei pressi dell’ipp...

continue

  

Muri

(2012 - 85')

Genre: Human Interest
Synopsis: A più di cinquant’anni dalla posa della prima pietra del muro di Berlino nel 1961, ancora oggi il mondo sembra inesorabilmente attraversato da ...

continue

  

This is my land... Hebron

(2010 - 72')

Genre: History & Human Interest & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Hebron è un luogo conteso, dominato dall’odio e dalla violenza. Nel 1968, dopo la Guerra dei Sei Giorni e la schiacciante vittora militare d...

continue

  

Invisibili

(2016 - 28')

Genre: Docu-Reality
Synopsis: «Sono un bambino, ho paura». Abdul, sedici anni, s’accende una sigaretta mentre stringe a sé due sacchetti di plastica blu. Con lu...

continue

  

Where is my house?

(2012 - 62')

Genre: Human Interest & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Un documentario corale che ci porta dentro il disagio abitativo a Roma, esplorandone tutte le sue diverse realtà e sfaccettature: dalle baracc...

continue

FILMS

Visit India


Titolo inglese: Visit India
Anno: 2011
Durata: 55'
Regista: santangeli patrizia
Autore: santangeli patrizia
Direttore della fotografia: palombi stefano
Montatore: cerrini cristiana
Musiche: furlati daniele
Producer: cavallo chiara

Colore: Color
Formato: HDV
Ratio: 16:9
Lingua originale: italian
Sottotitolo: english
Genere: Ethnography & Human Interest & Personal Viewpoint
Tema: Diritti umani - Emarginazione sociale - Politica & Società - Popoli & tradizioni
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 03-06-2012
Sito web: visita il sito

Nome: patrizia
Cognome: santangeli
E-mail: patrizia.santangeli@gmail.com
Sito web: link al sito

Sinossi:
Visit India è un documentario, il racconto di un paesaggio umano che, dietro colori e riti religiosi, nasconde solitudini e spaesamento. Ordinaria quotidianità e sentimenti di chi si trova in una terra straniera, spesso senza famiglia, a volte in balia di un razzismo spicciolo o dell’atteggiamento di chi ignora l’altro solo perché è più facile così.