Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

VIDEO CORRELATI

  

L'acqua calda e l'acqua fredda

(2015 - 56')

Genre: History & Nature & Environment
Synopsis: Alle Acciaierie Valbruna di Vicenza più di metà dei mille dipendenti provengono dal Sud, e in particolare da Giovinazzo (Bari). Qui fino...

continue

  

EUROPIA

( - 0')

Genre: Docu-Reality & Human Interest & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Dimenticare un paese in guerra, fuggire da un’epidemia, ricongiungersi ai propri cari, iniziare una nuova vita. Tutto questo è possibile dentro...

continue

  

Binxêt - Sotto il confine

(2017 - 94')

Genre: Docu-Reality & Human Interest
Synopsis: “Binxet – Sotto il confine” è un viaggio tra vita e morte, dignità e dolore, lotta e libertà. Si svolge lungo i 911 km del confin...

continue

  

Storie Invisibili

(2019 - 34')

Genre: Docu-Reality & Human Interest & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Cosa vuol dire essere un profugo? Come si vive in un Campo Profughi? Storie Invisibili è un viaggio all’interno dei Campi Profughi Palestinesi ...

continue

  

Asmarina

(2015 - 69')

Genre: Docu-Reality & Ethnography & History
Synopsis: ASMARINA Voci e volti di una eredità postcoloniale Alan Maglio e Medhin Paolos presentano il loro documentario “Asmarina”, realizzato al...

continue

FILMS

La fabbrica dei clandestini


Titolo inglese: La fabbrica dei clandestini
Anno: 2011
Durata: 20' x 2 episodi
Regista: teleimmagini
Autore: Puddu Sara & Chiarelli Filomena & Urru Isabella & Cignarale Antonella & e Viktor
Società di produzione: teleimmagini & Al-Sitar & XM24

Colore: Color
Formato: MINI DV
Lingua originale: italiano
Genere: Human Interest & Investigation, Reportage & Current Affaires
Tema: Diritti umani - Emarginazione sociale - Guerra & Conflitti - Migrazione - Storia contemporanea
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto

Nome: Teleimmagini
Cognome: Al-Sitar
E-mail: info@teleimmagini.tv
Sito web: link al sito

Sinossi:
Sulla strada statale Manduria-Oria, a Marzo 2011, sorge, in pochissimi giorni, una tendopoli da due milioni di euro, costruita senza alcuna gara d'appalto nè consultazione con le giunte comunali limitrofe, per rispondere all'emergenza degli sbarchi di migliaia di migranti tunisini prima e di subsahariani poi. I fondi arrivano dall'Unione Europea,i costi di gestione del campo sono altissimi, le imprese coinvolte, la Connecting people e la Nuvola, riportano su contrada Tripoli lo stesso campo per l'emergenza di L'Aquila pronto a ricevere 2880 persone.Un numero che non verrà mai raggiunto. Nessuno di coloro che si trova all'interno o all'esterno del campo ha diritto a ricevere informazioni. Giornalisti e associazioni di solidarietà non hanno accesso al campo. Le procedure per ricevere il permesso di soggiorno sono ignote, cambiano da un giorno all'altro... (continua). Inizialmente ogni tunisino deve dimostrare di avere 30 euro per ricevere il permesso di soggiorno umanitario ed essere trasferito in altro luogo. Una volta stabilita la data di chiusura del campo di accoglienza, tale condizione non è più necessaria. Tutti vengono trasferiti verso destinazioni ignote, altri centri di accoglienza o semplicemente le stazioni ferroviarie limitrofe. Quello che nessuno sa è che i permessi di soggiorno non verranno riconosciuti dall'Unione Europea. Francia e Danimarca chiudono le frontiere, revocando, in via temporanea, il trattato di Schengen. EP.2 Ventimiglia