Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

Saro

(2016 - 69')

Genre: Docu-Reality
Synopsis: Mio padre è uscito dalla mia vita quando avevo poco più di un anno. Da allora non ne ho sentito molto parlare. Mi sono rifiutato di sape...

continue

  

I Vetri Tremano

(2016 - 72')

Genre: Arts & Culture & Biography & Personal Viewpoint
Synopsis: Da Cuba l'autore stabilisce, per mezzo di sms, una comunicazione con sua madre malata di cancro. Durante la permanenza nell'isola l'autore realizza de...

continue

  

Missione Grado

(2015 - 83')

Genre: Docu-Reality & Investigation, Reportage & Current Affaires & Science & Technology
Synopsis: “Missione Grado” pone lo sguardo sulle attività svolte dal contingente Italiano, guidato dalla Brigata Sassari, presso le istallazioni CAMP ARE...

continue

  

Il mondo addosso

(2006 - 90')

Genre: Biography & Educational & Ethnography
Synopsis: Arrivano da lontano, non hanno ancora diciotto anni e sono soli. La loro casa era in Afghanistan, in Romania, in Moldavia. Per alcuni i legami familia...

continue

  

Affarin!

(2011 - 80')

Genre: Biography & Human Interest & Personal Viewpoint
Synopsis: AFFARIN! è un documentario che racconta la lunga odissea di bambini e ragazzi afghani giunti in Italia in cerca di pace. Piccoli lavoratori cla...

continue

FILMS

Breve film d'amore e libertà


Titolo inglese: Breve film d'amore e libertà
Anno: 2010
Durata: 14'
Regista: Costanza Quatriglio
Autore: Costanza Quatriglio
Direttore della fotografia: Costanza Quatriglio
Montatore: Atria Benni
Producer: Costanza Quatriglio

Colore: Color
Formato: DIGITAL BETACAM
Lingua originale: italiano
Sottotitolo: italiano,inglese,francese
Genere: Biography & Educational & Ethnography
Tema: Amore & Relazioni - Disagio psichico - Multiculturalità & Integrazione
Paese di produzione: Italia

Nome: Costanza
Cognome: Quatriglio
E-mail: costanzaquatriglio@tiscali.it

Sinossi:
Mohammed Jan, uno dei protagonisti del documentario di Quatriglio sui minori migranti, Il mondo addosso (2006), riprende contatto con la sua famiglia d’origine lasciata in Afghanistan molti anni prima. Riallacciare i contatti è difficile, per la distanza geografica ma anche per i cambiamenti irreversibili avvenuti nelle vite dei protagonisti, seppure non impossibile. Un instant-movie, o se si preferisce un piccolissimo thriller dell’anima, una storia che meriterebbe di essere raccontata come un grande romanzo di formazione.