Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

365 without 377

(2011 - 53')

Genre: History & Human Interest & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Imposto sotto il dominio inglese nel 1860, l’articolo 377 del Codice Penale Indiano criminalizzava qualsiasi atto di natura sessuale fra due adulti de...

continue

  

La Via Interiore - Meditazione a Rebibbia

(2015 - 60')

Genre: Docu-Reality
Synopsis: LA VIA INTERIORE - MEDITAZIONE A REBIBBIA La meditazione in carcere: l’insegnamento di Dario Doshin Girolami. Il monaco buddista zen racconta tra...

continue

  

Songs of the Water Spirits

(2020 - 100')

Genre: Educational & Human Interest & Nature & Environment
Synopsis: La sfida di una società laboratorio incastonata tra le spettacolari vette dell’Himalaya, alla ricerca di una via “glocale” verso un “antico fut...

continue

  

Riverside Rendezvous

(2013 - 72')

Genre: Adventure & Travels & Docu-Reality & Ethnography
Synopsis: Riverside Rendezvous parla del Kumbh Mela più grande raduno di persone al mondo, che si tiene una volta ogni 12 anni nell’India del Nord. Nel l...

continue

  

A journey on the tabla

(2015 - 50')

Genre: Arts & Culture & Biography & Personal Viewpoint
Synopsis: Questo documentario esplora lo spirito appassionato di un maestro indiano: Sanjay Kansa Banik. Un musicista noto internazionalmente per la propria abi...

continue

FILMS

Nessuno Escluso


Titolo inglese: Nessuno Escluso
Anno: 2011
Durata: 84'
Regista: Caterina Congia
Autore: Caterina Congia
Direttore della fotografia: Paolo Bravi
Montatore: Mena Mazzella
Musiche: Eugenio Colombo
Producer: Emanuela Sandini & Iris Manca
Società di produzione: Onlus Insieme

Colore: Color
Formato: DIGITAL BETACAM
Lingua originale: varie
Sottotitolo: italiano
Genere: Arts & Culture & Ethnography & Lifestyle
Tema: Culture locali - Diritti umani - Multiculturalità & Integrazione - Popoli & tradizioni - Storie al femminile
Paese di produzione: India
Sito web: visita il sito


Sinossi:
Sono molte le voci del documentario che raccontano come la discriminazione nei confronti dei Dalit sia difficile da sradicare nella cultura e nella società indiana. Sono voci soprattutto di donne, discriminate oltre che per casta, anche per genere. I Dalit, un tempo chiamati ‘intoccabili’ perché considerati ‘impuri’, non potevano liberarsi dalla condizione di oppressi, lo erano per nascita. Oggi praticare il castismo è un reato, eppure la discriminazione castista resiste, degenerando anche in episodi di efferata violenza. I Dalit iniziarono a emanciparsi grazie alla politica di B. R. Ambedkar, uno dei padri della Costituzione Indiana, e seguirono il suo esempio abbracciando il buddismo fin dal 1956. Questo fenomeno, se non li ha totalmente affrancati dal castismo, potrebbe spiegare il perché in India non si sia arrivati a una rivolta sociale. Il maestro zen Thich Nhat Hanh, padre del ‘buddismo impegnato’, nel 2008 ha tenuto dei discorsi ai Dalit, ma la sua saggezza riguarda tutti, perché “i semi della discriminazione sono dentro di noi. Fortunatamente però, abbiamo anche i semi della non-discriminazione.” Nessuno escluso!