Vai direttamente ai contenuti della pagina
registrati

VIDEO CORRELATI

  

ècosaimale?

(2000 - 60')

Genre: Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Un'estate nel quartiere Ballarò al centro storico di Palermo. Brenda, Lia e Rita hanno sette, nove e dieci anni, mentre Tania e le sua amiche h...

continue

  

ERA DUCROT

(2014 - 58')

Genre: Biography & History
Synopsis: Film documentario sulla vita di Vittorio Ducrot, industriale palermitano di origini francese, che nel primo periodo del 1900 realizzò il marchi...

continue

  

Fuorigioco

(2014 - 61')

Genre: Docu-Reality
Synopsis: A Maurizio Schillaci - cugino del più famoso Totò, l'eroe di Italia '90 - non mancava nulla: fama, soldi, donne, macchine. Maurizio ha g...

continue

  

Belluscone. Una storia siciliana

(2014 - 95')

Genre: Docu-fiction
Synopsis: Il critico cinematografico Tatti Sanguineti arriva a Palermo per ricostruire le vicissitudini di Belluscone, l'ultima fatica di Franco Maresco. Un fil...

continue

  

Come un castello

(2014 - 13')

Genre: Docu-Reality
Synopsis: Come un castello è il racconto a più voci di viale Giorgio Morandi, quartiere alla periferia est di Roma. In cima a una collinetta, otto...

continue

FILMS

Comandare. Una storia Zen.


Titolo inglese: Comandare. Una storia Zen.
Anno: 2005
Durata: 14'
Regista: Costanza Quatriglio
Autore: Costanza Quatriglio
Montatore: Fraioli Ilaria
Producer: Stella Orsini & Federeica Masin
Società di produzione: Cinema Sky

Colore: Color
Formato: DIGITAL BETACAM
Lingua originale: siciliano
Sottotitolo: italiano
Genere: Biography & Educational
Tema: Culture locali - Infanzia & Adolescenza
Paese di produzione: Italia

Nome: Costanza
Cognome: Quatriglio
E-mail: costanzaquatriglio@tiscali.it

Sinossi:
Anthony ha circa sedici anni e vive allo Zen, un quartiere periferico di Palermo divenuto uno dei simboli del degrado urbano del nostro Paese. Il ragazzo racconta davanti alla telecamera il suo personale percorso di affrancamento dalla violenza e dalla sopraffazione nei confronti dei propri coetanei : ha rinunciato a comandare lasciando questo ruolo agli altri. Un percorso che si sviluppa anche grazie alla presenza della macchina da presa: stimolato dalla regista Anthony, che afferma di amare i cavalli, si offre per lavorare come stalliere in un piccolo maneggio nei pressi dello Zen. I suoi amici, che adesso spadroneggiano nel quartiere, assistono ammirati alla prima cavalcata di Anthony: in groppa all’animale di cui si prende cura quotidianamente il ragazzo gira per le strade del quartiere incurante degli scooter che gli sfrecciano accanto.