Vai direttamente ai contenuti della pagina

VIDEO CORRELATI

  

In un altro paese

(2005 - 92')

Genre: Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Il rapporto fra la mafia siciliana e lo Stato italiano negli anni della prima repubblica. Il film è incentrato sulla storia del maxi-processo d...

continue

  

ANTIRACKET

(2013 - 60')

Genre: Human Interest & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: Nel 1990 nasce la prima forma collettiva nel mondo di lotta alla mafia. Siamo a Capo d'Orlando, in provincia di Messina, dove un piccolo gruppo di com...

continue

  

IL SECONDO TEMPO

(2012 - 57')

Genre: Docu-fiction & Ethnography & History
Synopsis: A Palermo la notte può essere anche una metafora a vent’anni dalle stragi di Mafia. La Palermo del Secondo Tempo é una città che ...

continue

  

In terra di camorra

(2014 - 97')

Genre: Crime
Synopsis: Dove c'è molta luce, l'ombra è più nera. Malgrado l’idea che qualcuno cerca di far passare che tutto sommato la camorra è...

continue

  

Toxic Europe

(2013 - 28')

Genre: Crime & Investigation, Reportage & Current Affaires
Synopsis: “Toxic Europe” è il vincitore del “Best International Organised Crime Report Award 2011” (BIOCR) ed era uno dei quattro progetti di documentari...

continue

FILMS

Uomini Soli


Titolo inglese: Lone Men
Anno: 2012
Durata: 64'
Regista: Paolo Santolini
Autore: Astori M., Santolini P. Bolzoni A.,
Direttore della fotografia: Paolo Santolini
Montatore: Alessio Doglione
Musiche: Stefano Bollani
Producer: Paolo Benzi
Società di produzione: Film Faber & Libera

Colore: Color / B&W
Formato: HDV
Ratio: 16:9
Lingua originale: italiano
Sottotitolo: english
Genere: Educational & History & Investigation, Reportage & Current Affaires
Tema: Politica & Società - Storia contemporanea
Paese di produzione: Italia
Stato lavori: pronto
Data Uscita: 14-05-2012

Nome: Paolo
Cognome: Benzi
Società: Faber Film
E-mail: paolobenzi@faberfilm.it
Sito web: link al sito

Sinossi:
Sono morti venti, trent’anni fa. Giù a Palermo. Lo sapevano che li avrebbero fermati, prima o poi. Facevano paura al potere. Italiani troppo diversi e troppo soli per avere un’altra sorte. Avevano il silenzio attorno. A un passo. Pio La Torre, Carlo Alberto dalla Chiesa, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Vite scivolate in un cupo isolamento pubblico. Fino agli agguati, alle bombe. Questi quattro italiani sono diventati un esempio per l’Italia soltanto dopo il funerale.